Az. Agr. Ranchella Emanuele

  • Telefono: 333 6961189
  • Sitoweb: Az. Agr. Ranchella Emanuele
  • Sede Amministrativa
    Via Campi d’Annibale, 69/71 46 Grottaferrata (Roma) Italia
  • Descrizione

    La famiglia Ranchella è arrivata a Grottaferrata nel 1857 quali coloni pontifici chiamati dal Sindaco Passamonti, per aumentare la popolazione del Comune Castellano appena costituito. I Ranchella iniziano a piantumare vigneti, raggiungendo produzioni considerevoli e di grande pregio. Nonostante i difficili anni del dopoguerra, diventano i migliori fornitori di numerosi ristoranti romani sino a raggiungere livelli tali da essere scelti come fornitori privilegiati dalla Guardia Svizzera Pontificia. L’esperienza e la vocazione, che si tramanda da oltre sette generazioni, ha un credo: “dalla terra la vita, dalla vite ogni bene”. Oggi l’Azienda viene condotta da Emanuele, agronomo e vignaiolo, erede di famiglia anche della grande passione che nutre per la sua campagna e le sue vigne. La superficie totale è di circa 15 ettari, composta da due appezzamenti: uno sulla via Anagnina in località Villa Senni (nella zona delle Catacombe ad Decimum); l’altro nel cuore di Valle Marciana, con il panorama che si apre sulla vallata, con vista dei vigneti a 360 gradi, sotto le pendici dell’abbazia di San Nilo e del Castello Savelli. La zona di Valle Marciana era in origine uno dei tanti crateri del Vulcano Laziale, divenuta poi lago e in seguito, prosciugandosi, terra fertile e ricca di minerali utili per lo sviluppo della viticoltura. Le grotte presenti in cantina sono scavate nella stratificazione vulcanica, a circa 12 mt di profondità, per mantenere i vini ad una temperatura gradevole e costante. Nel tenimento di A.D. Decimum ulteriori grotte romane del primo secolo A.C, resti dell’antica villa del console Opimiano, ospitano vasi vinari e botti in castagno, d’uso anticamente in zona e saranno a breve visitabili per degustazioni ed eventi. Racconta Emanuele: “Crediamo nei potenziali dei vitigni coltivati con dedizione e caparbietà dai nostri padri, mantenendo integra una tradizione che ci rende, al momento, pionieri con due vini bianchi: Ad Decimum e Virdis”.  Il primo è un Roma DOC Bianco ottenuto da Malvasia puntinata, Trebbiano Verde e Trebbiano Giallo: ottimo da tutto pasto, ideale anche con verdure, pesce, formaggi e con i piatti tipici della cucina di Roma e dei Castelli romani. Il secondo, un Lazio IGP, nasce da Trebbiano Verde in purezza, recuperato da un vigneto di oltre novant’anni, ripropagato e successivamente reimpiantato, dieci anni fa all’interno del cratere vulcanico, nel cuore di Valle Marciana. Ottimo aperitivo e con antipasti, carni bianche, primi piatti.

     

    DALLA TERRA LA VITA, DALLA VITE OGNI BENE

    News

    Regione Veneto, una mozione sulla ripartenza dei luoghi rurali
    Turismo del vino, da Fratelli d’Italia una mozione sulla ripartenza dei luoghi rurali del Veneto Razzolini (FdI): Tommaso Ra ...
    continua »
    Il Primitivo di Manduria vale 182 milioni di euro
    Il Primitivo di Manduria vale 182 milioni di euro   Oltre 28 milioni di bottiglie che corrispondono a più di 21 m ...
    continua »
    Piemonte Capitale Mondiale del Food?
    Dieci motivi per sostenere il Piemonte come Capitale Mondiale del Food   Dai paesaggi vitivinicoli riconosciuti dall’ ...
    continua »