Dedicato a Paolo Benvenuti il Concorso enologico delle Città del Vino del Portogallo

Dedicato a Paolo Benvenuti il Concorso enologico delle Città del Vino del Portogallo


L'organizzazione del Concorso Enologico Internazionale Città del Vino 2021 non si ferma. Nonostante il covid-19. Confermata sede e date: Castello di Levizzano Rangone a Castelvetro di Modena, sessioni di degustazione delle commissioni internazionale dal 20 al 23 maggio 2021. Le aziende vitivinicole che intendono partecipare iscrivendo i loro vini possono farlo attraverso il sistema on-line di iscrizione dei campioni di vino che appare sul portale www.cittadelvino.it.

 

Nel frattempo, dal 26 al 29 novembre, si svolgerà in Portogallo, a Lagoa (regione dell’Algarve), un altro concorso “gemello” a carattere nazionale organizzato dall’Associazione dei comuni vinicoli portoghesi (AMPV), Associazione delle strade del vino del Portogallo (ARVP) e Recevin (Rete europea delle Città del Vino). In questa occasione si renderà omaggio alla figura di Paolo Benvenuti, storico direttore generale dell’Associazione Città del Vino italiana, scomparso lo scorso 8 febbraio dopo una lunga malattia.

 

La dedica è stata ispirata da José Arruda (nella foto, a sinistra, insieme a Paolo Benvenuti), omologo direttore delle città del vino portoghesi, che ha voluto così ricordare Paolo Benvenuti “la cui opera dedita al settore vitivinicolo ha varcato i confini del suo Paese, grande promotore dell'enoturismo e del concorso enologico”.

 

L'omaggio a Paolo Benvenuti si terrà durante la cena di gala del 28 novembre a cui parteciperà, tra gli altri, il presidente delle Città del Vino italiane, Floriano Zambon. In segno di riconoscimento per il grande lavoro svolto nel promuovere e valorizzare i territori vitivinicoli e, in particolare, per essere stato il principale motore del concorso internazionale delle Città del Vino, l'organizzazione portoghese assegnerà il premio intitolato a Paolo Benvenuti al vino più apprezzato del concorso portoghese. 

 

"Sono particolarmente grato agli amici portoghesi - afferma Floriano Zambon, presidente delle Città del Vino - per questo premio dedicato a Paolo Benvenuti. In effetti i rapporti tra e due associazioni devono molto a Paolo che nel corso degli anni ha saputo tessere proficui rapporti di collaborazione con il Portogallo. Molti sono i produttori portoghesi che partecipano, ad esempio, al nostro Concorso enologico. Ma il lavoro di Paolo in ambito europeo va ben oltre il concorso; ricordo il suo impegno nella rete europea Recevin e per la realizzazione e promozione di Iter Vitis, l'itineario culturale del vino che ha ottenuto l'approvazione del Consiglio Europeo e che oggi mette in relazione molti Paesi tra Mediterraneo ed Est Europa. In suo nome caratterizzeremo molte delle iniziative in programma nel 2021, cosa che non abbiamo potuto fare fino ad oggi anche a causa della pandemia che, di fatto, ne ha impedito la realizzazione."

 

José Arruda, segretario generale di AMPV, spiega che "il grande lavoro che Paolo Benvenuti ha svolto lo fa ricordare come uno dei più grandi uomini del vino, conosciuto non solo in Italia ma anche a livello internazionale, perché la sua dedizione, il suo modo di lavorare, di gettare ponti, la sua visione del territorio e, soprattutto, dell'enoturismo, sono serviti da ispirazione per tanti altri progetti, in diverse parti del mondo. Abbiamo imparato molto da Benvenuti – ha affermato ancora Arruda – e se abbiamo organizzato un analogo concorso a Lagoa, è anche grazie a lui. Pertanto, in modo semplice ma molto sentito, abbiamo voluto ricordarlo e perpetuare la sua presenza in questa nostra attività".

 

Paolo Benvenuti si è spento l'8 gennaio di quest'anno, all'età di 67 anni. Fondatore dell'associazione Città del Vino, ne è stato direttore generale fin dal 1987, anno della sua costituzione. L'identità dell'Associazione e le principali attività e progetti portano la sua firma, tra questi il Concorso enologico lanciato nel 2001 con il nome "La Selezione del Sindaco" che nel 2022 celebrerà la sua ventesima edizione (dopo il forzato rinvio causa covid-19 di quest’anno).

 

Il concorso portoghese, di fatto è una emanazione del concorso internazionale, tanto che le aziende portoghesi partecipanti all'evento di Lagoa automaticamente sono iscritte anche alla competizione che si terrà in Italia dal 20 al 23 maggio; anche l’evento portoghese ha mantenuto le caratteristiche del concorso tra le quali spicca la promozione congiunta di vini e territori, delle Aziende e dei loro Comuni.