L'Associazione Città del Vino in merito alle proposte di legge sul consumo di suolo

L'Associazione Città del Vino in merito alle proposte di legge sul consumo di suolo

Riprendendo e aggiornando le posizioni già espresse sui disegni di legge “Disposizioni per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli comuni” (2011) e “Valorizzazione delle aree agricole e di contenimento del consumo del suolo” (2012), l’Associazione nazionale Città del Vino non può esimersi dall‘esprimere perplessità e obiezioni di fronte ad uno scenario che sembra ignorare sia i due principi - riduzione del consumo dei suoli agricoli e destinazione degli oneri di urbanizzazione - contenuti nel disegno di legge sostenuto nel 2012 dall’allora ministro dell’Agricoltura, Mario Catania, sia la risoluzione n. 7-00274 approvata all’unanimità dalla Commissione ambiente e territorio del Senato della Repubblica l’11 luglio 2012, che impegna il governo a norme urgenti di indirizzo in materia urbanistica con l’obiettivo di limitare il consumo del suolo libero, attivare politiche di sviluppo sostenibile delle città e avviare processi di riqualificazione urbana.

Citta del vino su consumo del suolo

Ultime news inserite

Gaiole in Chianti, un modello di presidio culturale
Gaiole in Chianti, piccolo comune di 2800 abitanti nel cuore del Chianti storico, è stato preso a modello come presidio di ...
continua »
Puntare su identità, scelta obbligata per lo sviluppo
Si chiude a Cirò la Convention Nazionale delle Città del Vino: quattro giorni di riflessioni e marketing territorial ...
continua »
Blue Sea Land, l’Expo dei Cluster del Mediterraneo, dell’Africa e del Medioriente
Dal 28 settembre al 1 ottobre 2017 si terrà a Mazara del Vallo la VI edizione di Blue Sea Land, l’Expo dei Cluster de ...
continua »