Vino e bellezza

Qualifica Autore: Professore ordinario di Filosofia Teoretica presso la Facoltà di Filosofia dell’Università San Raffaele di Milano. Musicista.

Fonte: Massimo Donà

Vino e bellezza

Chi mai si sognerebbe di inscrivere la “bellezza” tra le qualità comunemente attribuibili al vino? Chi oserebbe qualificare un determinato vino come “bello”? Nessun sommelier si sognerebbe mai di esclamare, dopo aver degustato un buon bicchiere di rosso toscano: “Che bello!”
Il vino potrà essergli sembrato più o meno buono, più o meno gradevole, più o meno dolce, più o meno acido, più o meno fruttato… ma mai ‘bello’. È un fatto che la bellezza sia per lo più chiamata in causa in relazione ad esperienze visive o auditive; né gli odori né i sapori, infatti, vengono mai detti “belli”. Ma sempre e solamente buoni o cattivi.
Credo che raramente, però, ci si sia seriamente interrogati sulle ragioni di tale consuetudine. Eppure essa dice molto del nostro modo di essere e di pensare. Dice molto della storia di cui siamo figli.
Intervento di Massimo Donà, al convegno"NaturaMenteBello. La qualità del territorio e il vino" che si è tenuto a Rovereto (Trento) il 27 aprile 2013 presso il Mart.

Vino e bellezza

Ultime news inserite

Vola l’export veneto con la novità biologico
Veneto Agricoltura investirà nel settore vitivinicolo un milione di euro nei prossimi tre anni, specie nella sperimentazion ...
continua »
Ricordando Desana e nascita delle Doc
Certamente non si può esprimere che grande e vera soddisfazione per il positivissimo esito della iniziativa proposta e port ...
continua »
Agroalimentare: nel 2016 Italia ancora prima in Europa
Dai dati Istat pubblicati ieri, emerge che l’Italia si conferma il primo Paese per numero di riconoscimenti Dop, Igp e Stg c ...
continua »