Vino e bellezza

Qualifica Autore: Professore ordinario di Filosofia Teoretica presso la Facoltà di Filosofia dell’Università San Raffaele di Milano. Musicista.

Fonte: Massimo Donà

Vino e bellezza

Chi mai si sognerebbe di inscrivere la “bellezza” tra le qualità comunemente attribuibili al vino? Chi oserebbe qualificare un determinato vino come “bello”? Nessun sommelier si sognerebbe mai di esclamare, dopo aver degustato un buon bicchiere di rosso toscano: “Che bello!”
Il vino potrà essergli sembrato più o meno buono, più o meno gradevole, più o meno dolce, più o meno acido, più o meno fruttato… ma mai ‘bello’. È un fatto che la bellezza sia per lo più chiamata in causa in relazione ad esperienze visive o auditive; né gli odori né i sapori, infatti, vengono mai detti “belli”. Ma sempre e solamente buoni o cattivi.
Credo che raramente, però, ci si sia seriamente interrogati sulle ragioni di tale consuetudine. Eppure essa dice molto del nostro modo di essere e di pensare. Dice molto della storia di cui siamo figli.
Intervento di Massimo Donà, al convegno"NaturaMenteBello. La qualità del territorio e il vino" che si è tenuto a Rovereto (Trento) il 27 aprile 2013 presso il Mart.

Vino e bellezza

Ultime news inserite

Gaiole in Chianti, un modello di presidio culturale
Gaiole in Chianti, piccolo comune di 2800 abitanti nel cuore del Chianti storico, è stato preso a modello come presidio di ...
continua »
Puntare su identità, scelta obbligata per lo sviluppo
Si chiude a Cirò la Convention Nazionale delle Città del Vino: quattro giorni di riflessioni e marketing territorial ...
continua »
Blue Sea Land, l’Expo dei Cluster del Mediterraneo, dell’Africa e del Medioriente
Dal 28 settembre al 1 ottobre 2017 si terrà a Mazara del Vallo la VI edizione di Blue Sea Land, l’Expo dei Cluster de ...
continua »