Clima e rischi ambientali: promuovere l'adattamento climatico, la prevenzione e la gestione dei rischi

Fonte: Associazione Nazionale Città del Vino

Clima e rischi ambientali: promuovere l'adattamento climatico, la prevenzione e la gestione dei rischi

L'Associazione Nazionale Città del Vino è stata invitata all'Audizione dedicata al tema del clima e rischi ambientali nell'ambito del Tavolo tecnico B "Valorizzazione, gestione e tutela dell'ambiente", uno dei quattro Tavoli tecnici di confronto partenariale per la predisposizione della Proposta di accordo di partenariato previsto dal documento "Metodi e obiettivi per un uso efficace dei fondi comunitari 2014-2020" del Ministro Barca.

In vista dell'incontro l'Associazione ha stilato una nota di sintesi su come affrontare la sfida dell'adattamento ai cambiamenti climatici tenedno conto dei rischi e delle prospettive legate al rapporto tra clima e vino.

Il rispetto dei vincoli ambientali, la risposta ai cambiamenti climatici, l’uso più efficiente delle risorse naturali, l’industria del riciclo che trasforma i rifiuti in risorse, sono passaggi obbligati per rispondere alle emergenze ambientale, economica e sociale che dobbiamo fronteggiare su scala mondiale. Il concetto di rischio ambientale va, inoltre, visto da molti punti di vista e le conoscenze (analisi e prassi) devono spaziare in molti campi, con uno sguardo improntato alla multidisciplinarietà e  con il minor numero di asimmetrie possibili.

Il vino è il prodotto di un territorio e più in generale di un agro sistema e dipende in modo prioritario degli effetti climatici. Due in particolare sono i punti in cui la vitivinicoltura interagisce (o ne soffre) con le criticità ambientali:  il rischio idrogeologico (vedi, tra i molti, il caso delle Cinque Terre) e il rischio più di natura economica/qualitativa dei vini legato al cambiamento climatico (con particolare riguardo alle aree spumantistiche).

C’è bisogno di un approccio integrato ai parametri qualitativi (maturità tecnologica, fenolica e aromatica delle uve). Sono necessarie conoscenze più approfondite circa gli effetti della luce, del fabbisogno idrico e il bilancio energetico della pianta, ed occorre tener conto sempre delle interazioni vitigno/clima/suolo/pratiche colturali.

Poiché tutte queste azioni non possono prescindere da un puntuale monitoraggio dei territori vocati alla vitivinicoltura secondo i nuovi dettati climatici, il primo passo è senza dubbio la realizzazione di una mappa nazionale del suolo agrario seguita dalla realizzazione di mappe regionali dei terreni adatti alla coltivazione dei diversi vitigni, per conoscerne il potenziale a lungo termine, evitare di comprometterlo con scelte incongrue (discariche, cave, infrastrutture, localizzazioni commerciali o industriali) ed avviare la riflessione su come adattare la coltivazione della vite alla crisi climatica, che avrà effetti rilevanti anche sul paesaggio: si pensi anche solo all’opportunità di impiantare più in alto i nuovi vigneti e alla necessità di assicurare loro un regime idrico costante.

 

Ancv clima e rischi ambientali

Ultime news inserite

Vola l’export veneto con la novità biologico
Veneto Agricoltura investirà nel settore vitivinicolo un milione di euro nei prossimi tre anni, specie nella sperimentazion ...
continua »
Ricordando Desana e nascita delle Doc
Certamente non si può esprimere che grande e vera soddisfazione per il positivissimo esito della iniziativa proposta e port ...
continua »
Agroalimentare: nel 2016 Italia ancora prima in Europa
Dai dati Istat pubblicati ieri, emerge che l’Italia si conferma il primo Paese per numero di riconoscimenti Dop, Igp e Stg c ...
continua »