Programmazione europea 2014-2020: valutazioni e orientamenti delle Città del Vino

Programmazione europea 2014-2020: valutazioni e orientamenti delle Città del Vino

Quando nel dicembre 2012  il Ministro Barca ha invitato tutte le parti interessate a partecipare ad un confronto pubblico sul documento “Metodi e obiettivi per un uso efficace dei Fondi comunitari 2014-2020”, l'Associazione Nazionale delle Città ha ritenuto questa sollecitazione una preziosa opportunità ed ha voluto coinvolgere nel lavoro di approfondimento e scambio di idee tutti i suoi associati, che hanno risposto con contributi e suggerimenti anche a carattere pratico.

E’ stata infatti subito evidente l’importanza sia di prendere parte alla messa a punto di strumenti diretti a superare le cause dell’insoddisfacente impiego dei fondi strutturali sia di sollecitare e sostenere le amministrazioni locali a incrementare e rafforzare le attività progettuali e di richiesta di finanziamenti, promuovendo sempre più una politica strutturale che rilanci il settore primario e che parta in primo luogo da misure di semplificazione e razionalizzazione delle procedure di accesso ai bandi e al credito.

Dopo aver tracciato brevemente le difficoltà fin qui incontrate da enti pubblici e  imprese nell'accedere ai bandi, il documento affronta tre tematiche di forte interesse per l'Associazione: Ridare centralità all’agricoltura: le lunghe derive di trasformazione delle produzioni agroalimentari in Italia; La governance territoriale: regolare la città a partire dalle esigenze della campagna; Cultura ambientale e ambiente culturale.

L'analisi dei dati disponibili sul sito OpenCoesione ha, poi, permesso di evidenziare alcuni degli elementi che hanno caratterizzato  gli interventi finanziati dalla programmazione FESR e FSE, nel periodo 2007-2013, negli ambiti più strettamente collegati alla  valorizzazione della vitivinicoltura, dell'agroalimentare e del turismo enogastronomico.

Questo ha portato a delineare due linee progettuali generali - concentrare i progetti e valorizzare l'esistente - e a declinarle in rapporto ad alcune delle tematiche affrontate nel Documento del Ministro Barca - “Agenda digitale”, “Competitività dei sistemi produttivi” e “Tutela dell’ambiente e valorizzazione delle risorse culturali e ambientali” - offrendo all’Associazione l'opportunità di intervenire su come potrebbero essere indirizzati i fondi europei, di farsi portavoce di questa istanza presso il prossimo Governo e contemporaneamente di proporsi ai Comuni come soggetto in grado di stimolare e coordinare la partecipazione a tali programmi.

Ancv programmazione europea 2014 2020

Ultime news inserite

Gaiole in Chianti, un modello di presidio culturale
Gaiole in Chianti, piccolo comune di 2800 abitanti nel cuore del Chianti storico, è stato preso a modello come presidio di ...
continua »
Puntare su identità, scelta obbligata per lo sviluppo
Si chiude a Cirò la Convention Nazionale delle Città del Vino: quattro giorni di riflessioni e marketing territorial ...
continua »
Blue Sea Land, l’Expo dei Cluster del Mediterraneo, dell’Africa e del Medioriente
Dal 28 settembre al 1 ottobre 2017 si terrà a Mazara del Vallo la VI edizione di Blue Sea Land, l’Expo dei Cluster de ...
continua »