La cultura in Europa: motore o fanalino di coda?

La cultura in Europa: motore o fanalino di coda?

Al di là della retorica, la cultura occupa oggi l’ultimo posto tra le priorità dell’Europa, come dimostra lo 0,0001% del bilancio che l’Unione Europea riserva tuttora a questo settore.

All’indomani delle elezioni europee, e della formazione del nuovo governo dell’Unione, l’incontro - organizzato a Roma lo scorso 17 settembre da Volta in collaborazione con Associazione Civita - si proponeva di promuovere il dibattito con alcuni dei protagonisti più dinamici del settore per capire se e come la cultura possa cessare di essere l’ultima ruota del carro per diventare finalmente uno dei motori dell’Europa del futuro.

I due ospiti di questo evento, introdotto da Giuliano da Empoli e moderato da Eric Jozsef (corrispondente di Libération), erano Robert Manchin (presidente di Culture Action Europe) e Francesco Rutelli (presidente di Anica).

Resoconto civta volta del 1709201

Ultime news inserite

Viticoltura eroica, Stefano Celi è il nuovo presidente del Cervim
Succede a Roberto Gaudio (in carica dal 2011) che va a comporre il Cda insieme a Ivo Joly Viticoltura eroica, Stefano Celi è ...
continua »
La Carta dell’Enoturismo ai tempi del Covid-19
Movimento Turismo del Vino e Unione Italiana Vini lanciano la Carta dell’Enoturismo ai tempi del Covid-19 Il nuovo s ...
continua »
Vigne e vini naturalmente irpini
Già percorrendo le prime curve della provinciale che porta al Passo della Serra il visitatore è conquistato dalla be ...
continua »