Rompere le regole per rinnovarsi e vivere meglio

Rompere le regole per rinnovarsi e vivere meglio

Rompere le regole non come atto “antipolitico” di sfiducia verso la democrazia rappresentativa e i suoi valori ma come impegno creativo per affrontare le nuove sfide, per esplorare incroci e ibridazioni culturali, per rallentare (l’inquinamento, l’alienazione, il surriscaldamento) o anche fare di più con meno.

Oggi possiamo applicare il tema della rottura creativa delle regole ai processi di cambiamento e di movimento  che anche città e paesaggi devono mettere in pratica per adattarsi alle mutazioni delle comunità e dei mercati, ai progressi delle conoscenze scientifiche, alla necessità di evolversi attraverso la riqualificazione dei tessuti esistenti, la razionalizzazione delle funzioni, il risparmio energetico e il miglioramento dei servizi collettivi.

Ancv short paper sessione 2 paesaggi beni culturali patrimonio unesco converted

Ultime news inserite

I maestri del vino di Furore
Gran Furor Divina Costiera nasce nel 1942 per accompagnare la vendita dei vini della Costa di Furore, ottenuti dalle vigne sdraiat ...
continua »
Primo Concorso Gastronomico fra le Pro Loco d'Italia
Il team delle pro loco umbre, della Valnerina, ha vinto il primo contest Gastronomico tra le Pro Loco d'Italia organizzato a Vapri ...
continua »
Bovale Jazz fa tappa in Marmilla
Una serata interamente dedicata al blues. È l’altra grande novità della settima edizione del Bovale ...
continua »