Comune di San Martino sulla Marrucina

  • Telefono: 0871 82515
  • Fax: 0871 800131
  • Sitoweb: San Martino sulla Marrucina
  • Sede Amministrativa
    Via Piano della Chiesa 1 66010 San Martino sulla Marrucina (Chieti)

Origine del nome

Nato intorno al 700 d.C., deriva il toponimo dall'unione del nome del santo protettore dei cavalieri con quello della strada di origine preromana che conduce a Chieti, l'antica Teate capitale del popolo dei Marrucini.

Il Territorio

  • Num. Abitanti: 952
  • Altitudine: 420
  • Superficie: 7.41
  • Santo Patrono: San Giuseppe
  • Codice ISTAT: 69082
  • Codice Catastale: H991
  • Prefisso: 871
  • PEC: protocollo@pec.sanmartinosm.it
  • Zona Sismica: 1
  • Zona Climatica: D
  • Gradi Giorno: 1826
  • Dati forniti da Tuttitalia.it

Amministratore

Nome
Luciano Giammarino


Storia

La Preistoria e il Periodo Italico. San Martino è una delle cittadine più antiche della provincia di Chieti, tra le poche ad aver mantenuto la sua collocazione sul sito originario di fondazione già prima dell’arrivo longobardo. In periodo preistorico di sicuro la zona era territorio di caccia per i primi ominidi, che poi riparavano in grotte nascoste ai piedi della Majella, come certificano i ritrovamenti ad esempio nella Grotta del Colle nella vicina Rapino. Sicuramente gruppi di uomini primitivi scendevano sino alla pianura sotto San Martino per avere un territorio di caccia più facile, anche per la vicinanza del torrente Vesola. Nel periodo italico la zona era certamente abitata da popolazioni di origine sannitica, molto evolute per quanto riguarda la loro civiltà, come certifica anche il loro culto dei morti, complesso e ricco di arredi funebri. Numerose le tombe italiche risalenti a 3000 anni fa rinvenute a Guardiagrele e si hanno notizie certe anche di tombe ritrovate nel territorio di San Martino sulla Marrucina, dove la pianura sottostante al colle principale era considerata una zona sacra di sepoltura per la popolazione italica dei Marrucini. Il territorio di San Martino era certamente abitato da questo popolo, di cui rappresentava l'ultimo baluardo di confine con il territorio Frentano.

L’era romana. Poche le notizie in periodo romano, sia per la scarsità dei ritrovamenti sia per le poche notizie nei testi latini. Tuttavia sono stati scoperti negli ultimi anni numerosi siti con presenza di ville romane e resti di vasellame. A San Martino con molta probabilità vi erano alcune ville romane di grandi dimensioni, probabilmente di discendenti della gens romana dei Pompilio, di cui il cognome sopravvive ancora in molti nuclei familiari del paese.

Il medioevo. Nell’800 d.c. San Martino è già censita tra i castelli del teatino prima delle conquiste longobarde, nel 900 d.c. venne scelta come dimora per gli ultimi anni di vita da Aldamario da Capua, successivamente proclamato santo e che, conquistato dalla quiete del luogo e dalla natura vi edificò il suo eremo. A questo periodo risale la fondazione dell’abazia benedettina di San Martino, dalla lunga e ancora misteriosa storia e che nel 1030 è già censita in numerosi documenti. Nel 1151, Maestro Nicodemo nativo del luogo edificò qui la sua unica chiesa e scolpì il primo dei suoi meravigliosi cibori. A San Martino venne fondato uno dei primi conventi campestri francescani d'Abruzzo, nella seconda metà del XII secolo. Nel 1330 il centro storico del borgo contava già 6 chiese, a certificare la forte religiosità della popolazione, rimasta nei secoli sempre fedele alla Chiesa. In questo periodo il primitivo "castrum" si è già ampliato con la costruzione del borgo fortificato, caratterizzato dalla presenza di case-mura e di 3 Porte.

Il rinascimento. Nel XVI secolo viene realizzata l’ultima croce processionale della scuola di Nicola da Guardiagrele, tra le poche ancora conservate e che viene esposta ogni anno il 19 marzo. Sempre in questo secolo vengono realizzati i dipinti della chiesa di San Cristinziano, il cui nucleo originale risale al XII°. In questo periodo viene anche dipinto il ciborio realizzato dal maestro Nicodemo e viene restaurata l’abazia presente nella cittadina dal 900 d.c. Nel 1600 inizia l’era dei “polverieri”, mercanti contrabbandieri caratteristici di San Martino, che secondo una antica e segretissima ricetta realizzavano con il carbone di vite polvere da sparo per la vendita e la difesa. 

Dall’Unità d’Italia ai nostri giorni. Tra la seconda metà del XVII secolo e la fine del XVIII San Martino diventa feudo dell'importante ed antichissima famiglia de Pizzis, che riceve dal re a Barcellona il titolo di "Marchesi di San Martino" Nel 1700 la cittadina è animata dall’attività dei polverieri, che durante l’invasione francese impediscono agli invasori di entrare con la forza a San Martino, dirottandoli verso Guardiagrele. Il successivo periodo del brigantaggio risparmia la comunità martinese, protetta anche in questo casa dalla sua polvere da sparo. Nella prima metà del 1900 termina l’era dei polverieri, e con la seconda guerra mondiale l’abitato subisce danni notevolissimi, perdendo l’antico castello e buona parte della cinta di case mura. Le colline della cittadina si trovano nella tenaglia dei bombardamenti alleati e tedeschi. Oggi San Martino sulla Marrucina è un borgo di poco più di 1000 abitanti,con una agricoltura fiorente,una campagna bellissima e il panorama mozzafiato della Majella, che da secoli veglia sui martinesi, sulle loro vite e sulla loro quiete. (fonte: www.sanmartinosm.it)

Feste

A gennaio si svolge la ricorrenza dei Santi Sposi con ricostruzione di un matrimonio reale e fuoco alle farchie (enormi pire di canne secche intrecciate) in onore di S. Antonio. In agosto “San Martino borgo di… vino”, festa dedicata ai vini e ai prodotti tipici, vede sfilare artisti di strada e personaggi in costumi storici per le vie addobbate da stendardi.

Informazioni Turistiche

Piccolo paese, posto su una collina ai piedi del Parco della Maiella, San Martino sulla Marrucina è un museo a cielo aperto. L'ambiente salutare, la quiete, il verde dei campi e dei boschi, ne costituiscono le caratteristiche più significative, che ammaliano l'osservatore occasionale e deliziano gli abitanti permettendo di spaziare con lo sguardo dalla montagna al mare Adriatico. Meritano una visita la Chiesa di S. Cristinziano con la croce processionale tardo cinquecentesca e la Chiesa di S. Martino con il tabernacolo del 1151. Suggestivi il percorso naturalistico del torrente Vesola e quello dei Polverieri, che porta alle antiche e segretissime grotte scavate a mano dove si lavorava la preziosa polvere da sparo, utilizzata soprattutto per liberare i terreni dai massi e per frantumare i tronchi.

Denominazioni collegate

Terre di Chieti

Terre di Chieti

Regione di riferimento: Abruzzo
Enoregione: ABRUZZO DI MONTAGNA, FASCIA ADRIATICA
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Comune di Villamagna, Comune di Tollo, Comune di San Martino sulla Marrucina, Comune di Rocca San Giovanni, Comune di Paglieta, Comune di Ortona, Comune di Orsogna, Comune di Mozzagrogna, Comune di Miglianico, Comune di Lanciano, Comune di Guardiagrele, Comune di Giuliano Teatino, Comune di Frisa, Comune di Fossacesia, Comune di Crecchio, Comune di Casalbordino, Comune di Canosa Sannita, Comune di Atessa, Comune di Arielli

Enti Interessati
mostra/nascondi

Terre di chieti

Trebbiano d'Abruzzo

Trebbiano d'Abruzzo

Regione di riferimento: Abruzzo
Enoregione: ABRUZZO DI MONTAGNA, COLLINE TERAMANE, FASCIA ADRIATICA
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Vittorito, Comune di Villamagna, Comune di Torano Nuovo, Comune di Tollo, Comune di San Martino sulla Marrucina, Comune di Rosciano, Comune di Rocca San Giovanni, Comune di Pratola Peligna, Comune di Pollutri, Comune di Paglieta, Comune di Ortona, Comune di Orsogna, Comune di Notaresco, Comune di Mozzagrogna, Comune di Miglianico, Comune di Loreto Aprutino, Comune di Lanciano, Comune di Guardiagrele, Comune di Giuliano Teatino, Comune di Frisa, Comune di Fossacesia, Comune di Crecchio, Comune di Corropoli, Comune di Controguerra, Comune di Colonnella, Comune di Collecorvino, Comune di Città Sant'Angelo, Comune di Casalbordino, Comune di Canosa Sannita, Comune di Atessa, Comune di Arielli

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc trebbiano d abruzzo

Montepulciano d'Abruzzo

Montepulciano d'Abruzzo

Regione di riferimento: Abruzzo
Enoregione: ABRUZZO DI MONTAGNA, COLLINE TERAMANE, FASCIA ADRIATICA,
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Vittorito, Comune di Villamagna, Comune di Torano Nuovo, Comune di Tollo, Comune di San Martino sulla Marrucina, Comune di Rosciano, Comune di Rocca San Giovanni, Comune di Pratola Peligna, Comune di Pollutri, Comune di Paglieta, Comune di Ortona, Comune di Orsogna, Comune di Notaresco, Comune di Mozzagrogna, Comune di Miglianico, Comune di Loreto Aprutino, Comune di Lanciano, Comune di Guardiagrele, Comune di Giuliano Teatino, Comune di Frisa, Comune di Fossacesia, Comune di Crecchio, Comune di Corropoli, Comune di Controguerra, Comune di Colonnella, Comune di Collecorvino, Comune di Città Sant'Angelo, Comune di Casalbordino, Comune di Canosa Sannita, Comune di Atessa, Comune di Arielli

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc montepulciano d abruzzo

Cerasuolo d'Abruzzo

Cerasuolo d'Abruzzo

Regione di riferimento: Abruzzo
Enoregione: ABRUZZO DI MONTAGNA, COLLINE TERAMANE, FASCIA ADRIATICA
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Vittorito, Comune di Villamagna, Comune di Torano Nuovo, Comune di Tollo, Comune di San Martino sulla Marrucina, Comune di Rosciano, Comune di Rocca San Giovanni, Comune di Pratola Peligna, Comune di Pollutri, Comune di Paglieta, Comune di Ortona, Comune di Orsogna, Comune di Notaresco, Comune di Mozzagrogna, Comune di Miglianico, Comune di Loreto Aprutino, Comune di Lanciano, Comune di Guardiagrele, Comune di Giuliano Teatino, Comune di Frisa, Comune di Fossacesia, Comune di Crecchio, Comune di Corropoli, Comune di Controguerra, Comune di Colonnella, Comune di Collecorvino, Comune di Città Sant'Angelo, Comune di Canosa Sannita, Comune di Atessa, Comune di Arielli

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc cerasuolo d abruzzo

Abruzzo

Abruzzo

Regione di riferimento: Abruzzo
Enoregione: ABRUZZO DI MONTAGNA, COLLINE TERAMANE, FASCIA ADRIATICA
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Vittorito, Comune di Villamagna, Comune di Torano Nuovo, Comune di Tollo, Comune di San Martino sulla Marrucina, Comune di Rosciano, Comune di Rocca San Giovanni, Comune di Pratola Peligna, Comune di Pollutri, Comune di Paglieta, Comune di Ortona, Comune di Orsogna, Comune di Notaresco, Comune di Mozzagrogna, Comune di Miglianico, Comune di Loreto Aprutino, Comune di Lanciano, Comune di Guardiagrele, Comune di Giuliano Teatino, Comune di Frisa, Comune di Fossacesia, Comune di Crecchio, Comune di Corropoli, Comune di Controguerra, Comune di Colonnella, Comune di Collecorvino, Comune di Città Sant'Angelo, Comune di Casalbordino, Comune di Canosa Sannita, Comune di Atessa, Comune di Arielli

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc abruzz

Colline Teatine

Colline Teatine

Regione di riferimento: Abruzzo
Enoregione: FASCIA ADRIATICA
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Comune di Villamagna, Comune di Tollo, Comune di San Martino sulla Marrucina, Comune di Ortona, Comune di Orsogna, Comune di Miglianico, Comune di Guardiagrele, Comune di Giuliano Teatino, Comune di Crecchio, Comune di Canosa Sannita, Comune di Arielli

Enti Interessati
mostra/nascondi

Colline teatine

News

A Farinetti il Premio Masciarelli 2015
Martedì 6 ottobre alle ore 16:00 si svolgerà a San Martino sulla Marrucina la cerimonia di consegna del premio & ...
continua »
Calici di Stelle a San Martino sulla Marrucina
Serata con musica itinerante (1 agosto) per i vicoli del centro storico di San Martino sulla Marrucina (Chieti) per una rasseg ...
continua »
Abruzzo, servizi turistici innovativi
Due nuove iniziative vengono lanciate in questi giorni a San Martino sulla Marrucina, Città del Vino abruzzese al centro di ...
continua »