Comune di Rivoli Veronese

  • Telefono: 045 7281166
  • Fax: 045 7281114
  • Sitoweb: Rivoli Veronese
  • Socio dall'anno: 2017
  • Sede Amministrativa
    Piazza Napoleone I, 3 37010 Rivoli Veronese (Verona)

Il Territorio

  • Num. Abitanti: 2
  • Altitudine: 191
  • Superficie: 18,43 km²
  • Santo Patrono: San Isidoro - 31 luglio
  • Codice ISTAT: 023062
  • Codice Catastale: H356
  • Prefisso: 045
  • PEC: protocollo.comune.rivoli.vr@pecveneto.it
  • Dati forniti da Tuttitalia.it

Amministratore

Nome
Luchesa Armando


Storia

La peculiare posizione geografica di Rivoli Veronese allo sbocco della Valle dell’Adige ed a presidio della Chiusa Veneta ne hanno fatto fin dalle epoche più remote un centro di fondamentale importanza per il controllo strategico della viabilità terrestre e fluviale di congiunzione del Centro Europa con il Bacino del Mediterraneo, in particolare delle pianure danubiane con le fertili plaghe padane. Alle remote piste paleolitiche correnti sul fondo della Val Lagarina si è sovrapposta, in epoca romana, la Claudia Augusta cui è seguita, nel Medio Evo, la strada imperiale (l’odierna statale dell’Abetone e del Brennero) percorsa nel '700 dagli artisti del “Grand Tour” (Goethe e Heine in primis). L’antropizzazione, se non al Paleolitico superiore ove si pensi al vicino Riparo Soman, data quantomeno dal Neolitico al quale risalgono le tracce di insediamenti rinvenuti sulla Rocca e risultati appartenere alla Cultura dei Vasi a Bocca Quadrata. Intorno al 1100 sulla Rocca di Rivoli esisteva una fortificazione, dove scavi archeologici alla fine degli anni '70 hanno portato alla luce, oltre a varie suppellettili ed armi, anche i pochi resti della Chiesetta di S. Zeno a Incanale. Rivoli fu teatro di battaglia il 14 gennaio 1797, quando le truppe napoleoniche affrontarono l'esercito austriaco, che agli ordini del generale Alvinczy, sembrava dovesse avere la meglio. Per esaltare il sacrificio dei suoi soldati e per ricordare la gloriosa vittoria di Rivoli, Napoleone intitolò una via di Parigi “Rue de Rivoli" e nominò duca di Rivoli il suo valoroso generale André Massena. Qui, durante la guerra d'indipendenza, le divisioni dell'esercito piemontese si scontrarono vittoriosamente contro le truppe austriache del maresciallo Radetzky. Infine, sulle colline dell'anfiteatro morenico si possono ancora scorgere segni delle trincee che gli italiani costruirono durante la prima guerra mondiale. (fonte: www.comune.rivoli.vr.it) 

Feste

Rivoli International: manifestazione a metà luglio (nella zona del forte Rivoli)  dedicata ai giovani, con mostre, tornei e concerti di gruppi italiani e francesi. 

Maggio Rivolese: anniversario della Battaglia di Rivoli, con la ricostruzione della battaglia tra francesi e austriaci, convegni, mostre, oltre alla festa degli Asparagi e la Sagra di San Isidoro.

Informazioni Turistiche

Il comune costituisce una tappa lungo il percorso della Strada della Terra dei Forti, che unisce i comuni produttori del vino Valdadige DOC: Dolcè, Brentino Belluno, Rivoli e Avio. Nel 2013 è stato realizzato, sul monte Mesa, un impianto di produzione di energia eolica (parco eolico del monte Mesa) che conta 4 aerogeneratori da 2 MW ciascuno, per una potenza totale installata di 8 MW a regime. Oltre al Museo Napoleonico e del Risorgimento con una preziosa collezione di armi, uniformi e documenti dell'epoca nonché un plastico che ricostruisce la dinamica della battaglia, merita una visita il Forte Wohlgemuth, costruito tra il 1850 e il 1851 in conci di pietra locale (in particolare Rosso Ammonitico), con archivolti in cotto e rifiniti fori per le artiglierie e casamatte interne. Lungo la Via Corone, che da località Villa di Incanale porta al Santuario della Madonna della Corona, a sinistra si innalza il Monte Cordespino. A destra spiccano ampi lastroni di roccia levigati dal passaggio del ghiacciaio, IV glaciazione “Wurn”, finemente lavorati dall’acqua, con la complicità del calcare presente nella roccia. Tra questi lastroni sono nascoste incisioni paragonabili a quelle di san Vigilio e a quelle della Val Camonica, da cui si differenziano per l’inversione di rilievo, dovuto al calcio contenuto nella roccia sciolto e solidificato nell’incisione stessa. Sono state riconosciute una cinquantina di figure tra le quali si distingue quella “antropomorfa steliforme suddivisa in tre registri”, con altre rappresentazioni più complesse alla sua sinistra. Gli studiosi non sono concordi sulla loro datazione, secondo alcuni da collocare nella prima età dei metalli (metà III, fine III millennio a. C.), secondo altri di età più recente.

Architetture religiose: S.Zeno Canale - XI secolo: Chiesetta romanica costruita intorno al 1000 ormai completamente distrutta. La dissacrarono i soldati Napoleonici durante la campagna d'Italia; Chiesa S.Pietro in Cattedra - XII secolo; Chiesa S.Antonio da Padova - XVII secolo; Parrocchiale di Canale - XVII secolo; Chiesa parrocchiale di Rivoli - XVIII secolo; Chiesa di San Michele Arcangelo Gaium - XII secolo.

Ville: Villa Becelli - XVI secolo, Corte Campana - XVI secolo, Corte Bramante - XVI secolo, Villa Cozza - XVII secolo, Corte Fiffaro - XVII secolo, Corte Ragno- XVIII secolo, Reggia Zambotto - XIV secolo.

Fortificazioni: Forte di Rivoli - Nelle immediate vicinanze di Rivoli, tra il 1850 e il 1851 fu costruito un forte in cima alla collina chiamata Monte Castello. Assieme ai forti di Ceraino e Monte proteggeva le strade che da Affi passando a Rivoli collegavano il lago di Garda all'Adige. Denominato "Wohlgemuth" in onore di un generale austriaco distintosi nella campagna del 1848, il corpo principale del forte era inizialmente costituito da una doppia casamatta semicilindrica sovrapposta. Era dotato di 17 cannoni. Dopo la conquista italiana, la costruzione fu completata fortificando la parte esposta a nord, fino a quel momento del tutto indifesa poiché originariamente il forte era stato concepito per difendere i confini austriaci e quindi era rivolto verso sud. Al successivo adattamento ai mutati confini italiani si deve pertanto l'attuale forma cilindrica del forte. Il forte ed il complesso circostante di fortificazioni ospitano attualmente un museo della prima guerra mondiale.

Denominazioni collegate

Bardolino

Bardolino

Regione di riferimento: Veneto
Enoregione: GARDA VENETO
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Rivoli Veronese, Comune di Lazise, Comune di Bardolino

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc bardolino

Valdadige Terradeiforti o Terradeiforti

Valdadige Terradeiforti o Terradeiforti

Regione di riferimento: Veneto
Enoregione: GARDA VENETO
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Rivoli Veronese, Comune di Dolcè, Comune di Brentino Belluno

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc valdadige terradeiforti o terradeiforti valdadige

Valdadige

Valdadige

Regione di riferimento: Veneto
Enoregione: GARDA VENETO
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Rivoli Veronese, Comune di Dolcè, Comune di Brentino Belluno

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc valdadige o etschtaler

Bardolino Superiore

Bardolino Superiore

Regione di riferimento: Veneto
Enoregione: GARDA VENETO
Tipo denominazione : DOCG
Enti Collegati
Comune di Rivoli Veronese, Comune di Lazise, Comune di Bardolino

Enti Interessati
mostra/nascondi

Docg bardolino superiore

Vigneti della Serenissima o Serenissima

Vigneti della Serenissima o Serenissima

Regione di riferimento: Veneto
Enoregione: COLLINE CENTRALI, GARDA VENETO, PEDEMONTANA CENTRALE, TERRE DEL SOAVE, VALPOLICELLA
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Vo', Comune di Vittorio Veneto, Comune di Vidor, Comune di Vazzola, Comune di Valdobbiadene, Comune di Susegana, Comune di San Polo di Piave, Comune di San Pietro in Cariano, Comune di San Pietro di Feletto, Comune di Rovolon, Comune di Roncà, Comune di Rivoli Veronese, Comune di Refrontolo, Comune di Ponte di Piave, Comune di Pieve di Soligo, Comune di Ormelle, Comune di Monteforte d'Alpone, Comune di Montebelluna, Comune di Miane, Comune di Mezzane di Sotto, Comune di Mareno di Piave, Comune di Marano di Valpolicella, Comune di Lonigo, Comune di Lazise, Comune di Illasi, Comune di Gorgo al Monticano, Comune di Godega di Sant'Urbano, Comune di Farra di Soligo, Comune di Dolcè, Comune di Conegliano, Comune di Colognola ai Colli, Comune di Cison di Valmarino, Comune di Brentino Belluno, Comune di Breganze, Comune di Bardolino, Comune di Baone, Comune di Asolo, Comune di Arquà Petrarca

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc vigneti della serenissima o serenissima

Trevenezie

Trevenezie

Regione di riferimento: Veneto
Enoregione: COLLINE CENTRALI, CONEGLIANO E VALDOBBIADENE, GARDA VENETO, PEDEMONTANA CENTRALE, PIANURA OCCIDENTALE, PIANURA ORIENTALE, TERRE DEL SOAVE, VALPOLICELLA
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Comune di Vo', Comune di Vittorio Veneto, Comune di Vidor, Comune di San Pietro in Cariano, Comune di San Pietro di Feletto, Comune di Rovolon, Comune di Roncà, Comune di Rivoli Veronese, Comune di Refrontolo, Comune di Pramaggiore, Comune di Portogruaro, Comune di Monteforte d'Alpone, Comune di Mezzane di Sotto, Comune di Marano di Valpolicella, Comune di Godega di Sant'Urbano, Comune di Cona, Comune di Cison di Valmarino, Comune di Cinto Euganeo, Comune di Baone, Comune di Arquà Petrarca, Comune di Annone Veneto

Enti Interessati
mostra/nascondi

Trevenezie

Veneto

Veneto

Regione di riferimento: Veneto
Enoregione: COLLINE CENTRALI, CONEGLIANO E VALDOBBIADENE, GARDA VENETO, PEDEMONTANA CENTRALE, PIANURA OCCIDENTALE, PIANURA ORIENTALE, TERRE DEL SOAVE, VALPOLICELLA
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Comune di Vo', Comune di Vittorio Veneto, Comune di Vidor, Comune di Vazzola, Comune di Valdobbiadene, Comune di Susegana, Comune di San Polo di Piave, Comune di San Pietro in Cariano, Comune di San Pietro di Feletto, Comune di Rovolon, Comune di Roncà, Comune di Rivoli Veronese, Comune di Refrontolo, Comune di Pramaggiore, Comune di Portogruaro, Comune di Ponte di Piave, Comune di Pieve di Soligo, Comune di Ormelle, Comune di Monteforte d'Alpone, Comune di Montebelluna, Comune di Miane, Comune di Mezzane di Sotto, Comune di Mareno di Piave, Comune di Marano di Valpolicella, Comune di Lonigo, Comune di Lazise, Comune di Illasi, Comune di Gorgo al Monticano, Comune di Godega di Sant'Urbano, Comune di Farra di Soligo, Comune di Dolcè, Comune di Conegliano, Comune di Cona, Comune di Colognola ai Colli, Comune di Cison di Valmarino, Comune di Cinto Euganeo, Comune di Brentino Belluno, Comune di Breganze, Comune di Bardolino, Comune di Barbarano Vicentino, Comune di Baone, Comune di Asolo, Comune di Arquà Petrarca, Comune di Annone Veneto

Enti Interessati
mostra/nascondi

Veneto

Verona o Provincia di Verona o Veronese

Verona o Provincia di Verona o Veronese

Regione di riferimento: Veneto
Enoregione: GARDA VENETO, PIANURA OCCIDENTALE, TERRE DEL SOAVE, VALPOLICELLA
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Comune di Roncà, Comune di Rivoli Veronese, Comune di Monteforte d'Alpone, Comune di Mezzane di Sotto, Comune di Marano di Valpolicella, Comune di Lazise, Comune di Illasi, Comune di Dolcè, Comune di Colognola ai Colli, Comune di Brentino Belluno, Comune di Bardolino

Enti Interessati
mostra/nascondi

Verona o provincia di verona o veronese

News

Ottimismo per la vendemmia 2018
“Lo stato attuale dei vigneti permette di essere ottimisti in vista dell’imminente vendemmia. Le condizioni climatiche ...
continua »
Il 45° Festival dei Sapori ammesso al finanziamento regionale
“Ringrazio il Consigliere regionale Erasmo Mortaruolo per avermi comunicato che la proposta progettuale presentata dal Comun ...
continua »
“Sfumature al femminile”
Mercoledì 26 Settembre si celebreranno le donne con un evento culturale “Sfumature al Femminile” organizzato da ...
continua »