Comune di Ponte

  • Telefono: 0824 874114
  • Fax: 0824 874941
  • Sitoweb: Ponte
  • Sede Amministrativa
    Piazza XXII Giugno, 5 82030 Ponte (Benevento)

Origine del nome

Il nome del paese trae origine da un imponente ponte in pietra attraverso il quale la Via Latina superava il torrente Alenta.

Il Territorio

  • Num. Abitanti: 2641
  • Altitudine: 147
  • Superficie: 17.92
  • Santo Patrono: San Giovanni Nepomuceno
  • Codice ISTAT: 62053
  • Codice Catastale: G827
  • Prefisso: 824
  • PEC: ponte@pec.comunediponte.it
  • Zona Sismica: 1
  • Zona Climatica: C
  • Gradi Giorno: 1338
  • Dati forniti da Tuttitalia.it

Amministratore

Nome
Mario Meola


Storia

Le origini di Ponte sono antichissime. Il luogo doveva avere importanza già nel periodo romano: qui infatti passava la famosa via Latina che metteva in comunicazione Benevento con la Valle Telesina e quindi, attraverso Teano-Cassino e Frosinone, con Roma. Non mancano però testimonianze che documentano una frequentazione risalente già al neolitico e poi all’età del ferro. Diversi reperti archeologici ritrovati sul suo territorio dimostrano, se non l’esistenza di vere e proprie forme di insediamento, la presenza millenaria dell’uomo: la fibula sannitica di Ponte, VII-VI sec. a.C. (conservata a Benevento, Museo del Sannio); armi sannitiche in bronzo VII VI sec. a.C; sesterzio in bronzo dell’imperatore Vespasiano 69-79 d.C.; lapidi funerarie II III sec. d.C. Il ritrovamento di mattoni tondi in cotto ed altri elementi hanno comprovato l’esistenza di un complesso romano, probabilmente una villa rustica, documento di primitivo insediamento nel territorio. Il paese ebbe notevole importanza anche nel periodo della dominazione longobarda. Infatti qui sorgeva una importante Abbazia Benedettina costruita nell'ottavo secolo dopo Cristo. Il primo documento scritto conosciuto è un atto notarile dell’849 in cui si fa riferimento a beni situati "ad pontem lapideum", così era indicata la zona di confluenza del torrente Alenta, nel fiume Calore. Nel 980, quasi due secoli dopo, Leone Ostiense, abate benedettino definì il luogo "Pons S.Anastasiae". Tale indicazione risulta da un diploma con il quale il principe longobardo Pandolfo Capodiferro donava il monastero di Santa Anastasia all’abate del monastero di S.Lupolo e Zosimo in Benevento. All’abate veniva anche concessa la facoltà di costruirvi un castello e renderlo abitato. Il castello fu subito realizzato e già nell’anno 1087 il trasferimento della piccola comunità pontese, dall’abbazia al castello doveva essersi completato. E’, infatti, del 1087 un documento che cita come primo signore del castello di Ponte, Baldovino il Normanno, vassallo del conte Rainulfo. Nel 1134 il castello dovette subire, da parte di re Ruggiero il Normanno, il suo primo assedio con successiva capitolazione. Ai tempi di Federico II fu posseduto da Nebulone di Ponte, il quale ebbe in custodia, prigioniero guelfo, il nobile piacentino Vitolo Palastuello. Nel 1266 fu occupato dalle truppe francesi di Carlo d’Angiò, prima della famosa battaglia con Manfredi di Svevia. Il nuovo sovrano francese, nel 1269, donò il castello a Giovanni Frangipane della Tolfa che, con il suo tradimento, aveva permesso la cattura di Corradino di Svevia. Successivamente, numerosi furono i feudatari che si alternarono nel possesso del paese e tra questi, i Sanframondo, i Carafa, i Crispano, i Carbone, i Caracciolo. Nel 1585 il feudo fu acquistato dai Sarriano e fu da questi governato fino all’abolizione del regime feudale. Nel 1811 il paese passò alla Provincia del Molise; nel 1829 perse la propria autonomia e, con decreto reale di Francesco di Borbone, annesso a Casalduni. Nel 1892 venne staccato da Casalduni per essere unito a Paupisi ed infine, il 22 giugno 1913, divenne comune autonomo. (Fonte: www.comunediponte.it)

 

 

Feste

Molto sentiti sono il Carnevale Pontese a febbraio e la festa patronale di S. Giovanni a maggio, con celebrazioni religiose ed esibizioni di artisti di fama. Sempre a maggio si tiene la Festa dell’Olio e a luglio la Sagra del Cuppettiello, il tradizionale cartoccio di carta paglia ripieno di cibi fritti.

Informazioni Turistiche

Da vedere: la Chiesa badiale di S. Anastasia risalente all'VIII secolo d.C. (restaurata e dichiarata monumento nazionale), la Cappella (Grangia) di S. Dionigi (1089), le torri d'angolo del Castello di origine normanna. Dolce tipico del posto è il panesillo: dall'impasto particolarmente soffice e appena guarnito, era riservato alle occasioni speciali e risale all'arrivo dei Longobardi nel Sannio.

Denominazioni collegate

Campania

Campania

Regione di riferimento: Campania
Enoregione: AREA VESUVIANA, CAMPI FLEGREI E ISCHIA, AVERSANO, CILENTO, IRPINIA,COSTIERA AMALFITANA, AREA SORRENTINA E CAPRI, LITORALE DOMIZIO E ALTRO CASERTANO, SANNIO
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Provincia di Benevento, Comune di Vitulano, Comune di Venticano, Comune di Tufo, Comune di Tramonti, Comune di Torrecuso, Comune di Terzigno, Comune di Taurasi, Comune di Solopaca, Comune di Sant'Agata De' Goti, Comune di Ravello, Comune di Pratola Serra, Comune di Pontelatone, Comune di Ponte, Comune di Petruro Irpino, Comune di Paupisi, Comune di Montefredane, Comune di Mondragone, Comune di Maiori, Comune di Lapio, Comune di Guardia Sanframondi, Comune di Furore, Comune di Chianche, Comune di Castelvenere, Comune di Campoli del Monte Taburno, Comune di Benevento, Comune di Avellino

Enti Interessati
mostra/nascondi

Campani

Sannio

Sannio

Regione di riferimento: Campania
Enoregione: SANNIO
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Vitulano, Comune di Torrecuso, Comune di Solopaca, Comune di Sant'Agata De' Goti, Comune di Ponte, Comune di Paupisi, Comune di Guardia Sanframondi, Comune di Castelvenere, Comune di Campoli del Monte Taburno, Comune di Benevento, Provincia di Benevento

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc sannio

Falanghina del Sannio

Falanghina del Sannio

Regione di riferimento: Campania
Enoregione: SANNIO
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Vitulano, Comune di Torrecuso, Comune di Solopaca, Comune di Sant'Agata De' Goti, Comune di Ponte, Comune di Paupisi, Comune di Guardia Sanframondi, Comune di Castelvenere, Comune di Campoli del Monte Taburno, Comune di Benevento, Provincia di Benevento

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc falanghina del sannio

Benevento o Beneventano

Benevento o Beneventano

Regione di riferimento: Campania
Enoregione: SANNIO
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Provincia di Benevento, Comune di Vitulano, Comune di Torrecuso, Comune di Solopaca, Comune di Sant'Agata De' Goti, Comune di Ponte, Comune di Paupisi, Comune di Guardia Sanframondi, Comune di Castelvenere, Comune di Campoli del Monte Taburno, Comune di Benevento

Enti Interessati
mostra/nascondi

Benevento o beneventano

Aglianico del Taburno

Aglianico del Taburno

Regione di riferimento: Campania
Enoregione: SANNIO
Tipo denominazione : DOCG
Enti Collegati
Provincia di Benevento, Comune di Vitulano, Comune di Torrecuso, Comune di Sant'Agata De' Goti, Comune di Ponte, Comune di Paupisi, Comune di Campoli del Monte Taburno, Comune di Benevento

Enti Interessati
mostra/nascondi

Docg aglianico del taburno

News

Casavecchia di Pontelatone Dop in festa
Un grande vitigno autoctono con una storia antichissima per un vino rosso potentissimo, persistente, dal sapore arcaico, ma privo ...
continua »
Al via la II edizione del Casavecchia Wine Festival
Qualche giorno ancora di attesa e, poi, sarà Casavecchia Wine Festival. La rassegna, organizzata dalla Condotta Slow Food V ...
continua »
Torna il Casavecchia Wine Festival
“Il turismo del futuro? Parte dai cittadini residenti, dalla loro qualità della vita; dalla capacità di essere ...
continua »