Comune di Loreto Aprutino

  • Telefono: 085 829401
  • Fax: 085 8291392
  • Sitoweb: Loreto Aprutino
  • Sede Amministrativa
    Via dei Mille 8 65014 Loreto Aprutino (Pescara)

Origine del nome

Il toponimo deriva dal latino laurum, lauro con il suffisso collettivo -etum, onde lauretum, «boschetto di lauri» (pianta molto diffusa in queste zone in epoca romana). L'aggettivo Aprutino, forma dotta da Aprutium, fu aggiunto con regio decreto nel 1863, forse per distinguerlo dall'omonimo marchigiano.

 

 

Il Territorio

  • Num. Abitanti: 7549
  • Altitudine: 294
  • Superficie: 59.50
  • Santo Patrono: San Zopito
  • Codice ISTAT: 68021
  • Codice Catastale: E691
  • Prefisso: 85
  • PEC: comune.loretoaprutino@postecert.it
  • Zona Sismica: 2
  • Zona Climatica: D
  • Gradi Giorno: 1699
  • Dati forniti da Tuttitalia.it

Amministratore

Nome
Gabriele Starinieri


Storia

Il territorio di Loreto Aprutino e l'intera area vestina hanno restituito materiali litici inquadrabili nel Paleolitico superiore e ricollegabili alla più antica frequentazione umana dell'area. Il sito fu abitato da epoca remota come testimoniano le ricerche condotte dal barone Giovanni Battista Leopardi, con lo scavo delle celebri necropoli italiche di Colle Fiorano e Farina-Cardito. Le prime notizie storiche documentate risalgono all’872 quando il gastaldo Allone vende a Romano, Abbate di San Clemente a Casauria, due corti, una presso Tocco da Casauria e l’altra nel Pennese, in località Ocretanum unitamente alle chiese di S. Giusta e S. Florenzio ricevendo in cambio due cavalli e 300 soldi. Dal Catalogus Baronum (1150-1168) risulta che il conte Gozzolino figlio del Rambot tiene il dominio diretto di Loretum. Nel 1192 il papa Celestino III, della famiglia degli Orsini, ammonisce Bernardo conte di Loreto e sua moglie Maria per aver annesso ai loro possedimenti la Chiesa di S. Maria de Plano di proprietà del Monastero di San Bartolomeo di Carpineto. Nel 1252 Corrado IV di Svevia, re di Germania e di Sicilia, concede a Federico di Antiochia la contea di Loreto. Questi ne prende possesso dopo aver assediato il Castello che resisteva alla disposizione reale. Nel 1268 Corrado di Antiochia, conte di Loreto viene imprigionato e la contea di Loreto viene incamerata da Carlo I d'Angiò che, nel 1271 la concede a Raul di Soissons. Nel 1330 Roberto I d'Angiò concede in feudo la contea di Loreto a Bernardo I d'Aquino. Giovanna IINel 1429 Giovanna II d'Angiò, regina di Napoli, concede all'università di Loreto il privilegio di allestire la fiera annuale della durata di 15 giorni da tenersi nel periodo precedente e successivo alla ricorrenza dell'Assunzione della Vergine. Nel 1460 il condottiero Iacopo Piccinino, al servizio del duca Giovanni d'Angiò, conquista Loreto. Nel 1634 viene redatto il Catasto dell'università di Loreto suddiviso in quattro parti corrispondenti ai rioni di S. Pietro, di S. Biagio, di S. Francesco e di S. Antonio Abate, visionato dal sindaco Domenico de' Nobili e dal capitano del Reggimento comunale Domenico Acconciamessa. Nel 1657 una violenta epidemia di peste colpì con particolare violenza il Regno di Napoli. La popolazione della capitale fu dimezzata con 240.000 morti su 450.000 abitanti e, a Loreto, provocò la morte di 430 persone. Nel 1703 Tommaso d'Afflitto, principe di Scanno, conte di Trivento e di Loreto nomina suo vicario a Loreto Paolo Guanciali. Nell'ottobre successivo sono varati con il consenso del Consiglio generale i sessantanove Capitoli dei cosiddetti «danni procurati della terra Laureti» che costituiscono la revisione di una copia anteriore e che definiscono le infrazioni alle consuetudini di vendita al dettaglio del vino, delle carni, dell'olio, di uso del diritto di pascolo e di salvaguardia dell'ordine e dell'igiene pubblici. San ZopitoNel 1709 venne istituita la festa di San Zopito con la processione in costume dei rappresentanti di associazioni religiose e delle corporazioni delle Arti coprendo, in tre ore, il tragitto che porta dall'abbazia nullius di S. Pietro alla chiesa della Madonna delle Grazie di Fiorano. A San Zopito venne dedicato un "simulacro argenteo", conservato nella chiesa madre di San Pietro a Loreto Aprutino, attribuibile al famoso scultore Giuseppe Sanmartino di Napoli o a un suo stretto collaboratore. Il busto, realizzato tra il 1753 e il 1759, fu probabilmente colato in argento dall'orafo Filippo del Giudice che, nello stesso periodo, curò l'argentatura della Santa Maddalena facente parte del Tesoro di San Gennaro di Napoli. Altra ipotesi, viste le similitudini della resa tecnica, potrebbe attribuire l'argentatura a Biagio Giordano, collaboratore della bottega della famiglia Del Giudice, che la realizzò per il busto di San Massimo conservato a Penne. Nel 1806 il castello di Loreto viene munito di una doppia cinta muraria ad opera di Giovanni Sermetre, capitano del X reggimento francese, dopo che le preesistenti mura erano state compromesse. (fonte: www.comune.loretoaprutino.pe.it)

Feste

Tra gli eventi in calendario ricordiamo la Festa di San Zopito il lunedì dopo Pentecoste, quando un bue "cavalcato" da un bambino vestito da angelo si inginocchia davanti alla statua del santo, la Festa della Trebbiatura a luglio, e la manifestazione gastronomica e culturale Sagra e Profano in agosto.

Informazioni Turistiche

L'abitato, delimitato dalla scenografica Porta Castello, mostra edifici di notevole interesse storico e architettonico: l'abbazia di S. Pietro Apostolo (IX sec.) e il Palazzo Chiola (edificato sul sito di un castello medievale), il Castelletto Amorotti che ospita il Museo dell'Olio, la trecentesca Chiesa di S. Francesco e quella rinascimentale di S. Biagio, l'Antiquarium, il Museo delle Ceramiche di Castelli, il Museo della civiltà contadina. Sul colle di fronte la Chiesa di S. Maria in Piano conserva pregevoli pitture murarie dei secoli XV e XVI, tra i quali lo splendido affresco del Giudizio Universale delle anime.

Denominazioni collegate

Colline Pescaresi

Colline Pescaresi

Regione di riferimento: Abruzzo
Enoregione: ABRUZZO DI MONTAGNA, FASCIA ADRIATICA
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Comune di Rosciano, Comune di Loreto Aprutino, Comune di Collecorvino, Comune di Città Sant'Angelo

Enti Interessati
mostra/nascondi

Colline pescares

Trebbiano d'Abruzzo

Trebbiano d'Abruzzo

Regione di riferimento: Abruzzo
Enoregione: ABRUZZO DI MONTAGNA, COLLINE TERAMANE, FASCIA ADRIATICA
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Vittorito, Comune di Villamagna, Comune di Torano Nuovo, Comune di Tollo, Comune di San Martino sulla Marrucina, Comune di Rosciano, Comune di Rocca San Giovanni, Comune di Pratola Peligna, Comune di Pollutri, Comune di Paglieta, Comune di Ortona, Comune di Orsogna, Comune di Notaresco, Comune di Mozzagrogna, Comune di Miglianico, Comune di Loreto Aprutino, Comune di Lanciano, Comune di Guardiagrele, Comune di Giuliano Teatino, Comune di Frisa, Comune di Fossacesia, Comune di Crecchio, Comune di Corropoli, Comune di Controguerra, Comune di Colonnella, Comune di Collecorvino, Comune di Città Sant'Angelo, Comune di Casalbordino, Comune di Canosa Sannita, Comune di Atessa, Comune di Arielli

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc trebbiano d abruzzo

Montepulciano d'Abruzzo

Montepulciano d'Abruzzo

Regione di riferimento: Abruzzo
Enoregione: ABRUZZO DI MONTAGNA, COLLINE TERAMANE, FASCIA ADRIATICA,
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Vittorito, Comune di Villamagna, Comune di Torano Nuovo, Comune di Tollo, Comune di San Martino sulla Marrucina, Comune di Rosciano, Comune di Rocca San Giovanni, Comune di Pratola Peligna, Comune di Pollutri, Comune di Paglieta, Comune di Ortona, Comune di Orsogna, Comune di Notaresco, Comune di Mozzagrogna, Comune di Miglianico, Comune di Loreto Aprutino, Comune di Lanciano, Comune di Guardiagrele, Comune di Giuliano Teatino, Comune di Frisa, Comune di Fossacesia, Comune di Crecchio, Comune di Corropoli, Comune di Controguerra, Comune di Colonnella, Comune di Collecorvino, Comune di Città Sant'Angelo, Comune di Casalbordino, Comune di Canosa Sannita, Comune di Atessa, Comune di Arielli

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc montepulciano d abruzzo

Cerasuolo d'Abruzzo

Cerasuolo d'Abruzzo

Regione di riferimento: Abruzzo
Enoregione: ABRUZZO DI MONTAGNA, COLLINE TERAMANE, FASCIA ADRIATICA
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Vittorito, Comune di Villamagna, Comune di Torano Nuovo, Comune di Tollo, Comune di San Martino sulla Marrucina, Comune di Rosciano, Comune di Rocca San Giovanni, Comune di Pratola Peligna, Comune di Pollutri, Comune di Paglieta, Comune di Ortona, Comune di Orsogna, Comune di Notaresco, Comune di Mozzagrogna, Comune di Miglianico, Comune di Loreto Aprutino, Comune di Lanciano, Comune di Guardiagrele, Comune di Giuliano Teatino, Comune di Frisa, Comune di Fossacesia, Comune di Crecchio, Comune di Corropoli, Comune di Controguerra, Comune di Colonnella, Comune di Collecorvino, Comune di Città Sant'Angelo, Comune di Canosa Sannita, Comune di Atessa, Comune di Arielli

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc cerasuolo d abruzzo

Abruzzo

Abruzzo

Regione di riferimento: Abruzzo
Enoregione: ABRUZZO DI MONTAGNA, COLLINE TERAMANE, FASCIA ADRIATICA
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Vittorito, Comune di Villamagna, Comune di Torano Nuovo, Comune di Tollo, Comune di San Martino sulla Marrucina, Comune di Rosciano, Comune di Rocca San Giovanni, Comune di Pratola Peligna, Comune di Pollutri, Comune di Paglieta, Comune di Ortona, Comune di Orsogna, Comune di Notaresco, Comune di Mozzagrogna, Comune di Miglianico, Comune di Loreto Aprutino, Comune di Lanciano, Comune di Guardiagrele, Comune di Giuliano Teatino, Comune di Frisa, Comune di Fossacesia, Comune di Crecchio, Comune di Corropoli, Comune di Controguerra, Comune di Colonnella, Comune di Collecorvino, Comune di Città Sant'Angelo, Comune di Casalbordino, Comune di Canosa Sannita, Comune di Atessa, Comune di Arielli

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc abruzz

News

In Georgia le più antiche tracce di vinificazione
Per approcciare in modo efficace la storia della vite occorre riportarsi a 60 milioni di anni fa, nel caldissimo Eocene, che vide ...
continua »
Assemblea Città del Vino del Veneto
Assemblea Regionale Città del Vino del Veneto 24 novembre 2017, Municipio Città di Portogruaro L'Associazione Nazio ...
continua »
La festa dell'olio e del vino novello
E’ da poco diventata maggiorenne la Festa dell’Olio e del Vino novello di Vignanello, nella Tuscia viterbese, e, dopo ...
continua »