Comune di Lapio

  • Telefono: 0825 982005
  • Fax: 0825 982351
  • Sitoweb: Lapio
  • Sede Amministrativa
    Viale Sicilia 83030 Lapio (Avellino)

Origine del nome

Il territorio deve la sua etimologia, secondo alcuni studiosi, al latino Lapideum (roccioso; sassoso), termine poi dissimulato in Lapio. Altri affermano che il suo nome derivi dal Fiano, prodotto in questa terra, ovvero nell'area agricola ''Apia'' (odierna Lapio), da cui risale il termine ''Apiano'' e ''Apiana'', uva già conosciuta dai poeti latini.

Il Territorio

  • Num. Abitanti: 1623
  • Altitudine: 500
  • Superficie: 15.25
  • Santo Patrono: San Pietro da Verona
  • Codice ISTAT: 64042
  • Codice Catastale: E448
  • Prefisso: 825
  • PEC: comune.lapio@asmepec.it
  • Zona Sismica: 1
  • Zona Climatica: D
  • Gradi Giorno: 1932
  • Dati forniti da Tuttitalia.it

Amministratore

Nome
Natalino Fabrizio


Storia

Le origini del borgo sono antichissime. A seguito dei cruenti scontri che si verificarono nella media valle del Fiume Calore, nel 512 il console Romano P.C. Cetego fece qui deportare ben 40000 Liguri Apuani, i quali portarono con sé diverse piante tra cui un vitigno che si adattò con successo ai fertili e ben esposti terreni del luogo, originando un’uva di ottima qualità, con chicchi piccoli, rotondi e dolcissimi: l'apuano, che per metamorfosi linguistica diventò poi apiano, lapiano, afiano, fiano. A partire dal Medioevo Lapio si affermò gradatamente come uno dei centri propulsori del Fiano, uno dei vini più apprezzati sulle raffinate tavole delle corti Sveva e Angioina, e i lapiani ne divennero anche commercianti. Dopo il dominio romano, fu prima possesso dei Longobardi, poi divenne feudo appartenuto alla nobile famiglia dei Filangieri di Napoli, i cui segni è possibile ritrovare nel Palazzo baronale dei Filangieri, la cui costruzione risale al periodi tra il 1200 e il 1300.

Feste

Da non perdere la “Sfilata dei Misteri“ a Pasqua, a maggio la Sagra del mogliatiello, in agosto “Alla Corte dei Filangieri” (spettacoli teatrali, musica ed enogastronomia), a novembre “A lumaniera” (accensione dei falò). 

Informazioni Turistiche

Lapio - che è anche Città dell'Olio, della Nocciola e del Miele - è adagiata su un colle soleggiato, arricchito da querce, vigne, ulivi e frutteti. Meritano una visita il castello dei Filangieri che nel XVI secolo l'omonima famiglia utilizzò come palazzo signorile, la Chiesa di San Giuseppe (XVII sec.), la Chiesa di Santa Caterina (XVI sec.), ricca di opere d'arte tra le quali la monumentale tomba del cardinale Giuseppe Caprio, e l’adiacente Confraternita della Madonna della Neve, del 1598, dove si conservano le 22 “tavolate” (gruppi di statue in cartapesta, risalenti alla prima metà del 1700 e raffiguranti le scene salienti e più drammatiche della passione e morte di Cristo) che da oltre duecento anni vengono portate in processione sui trattori il Venerdì Santo. Custodiscono pastori settecenteschi, di scuola napoletana, le Chiese di S. Giuseppe e S. Maria del Monte Carmelo, la cui confraternita allestisce anche un meraviglioso presepe che viene rinnovato ogni 4-5 anni. 

Denominazioni collegate

Fiano di Avellino

Fiano di Avellino

Regione di riferimento: Campania
Enoregione: IRPINIA
Tipo denominazione : DOCG
Enti Collegati
Comune di Pratola Serra, Comune di Montefredane, Comune di Lapio, Comune di Avellino

Enti Interessati
mostra/nascondi

Docg fiano di avellino

Irpinia

Irpinia

Regione di riferimento: Campania
Enoregione: IRPINIA
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Venticano, Comune di Tufo, Comune di Taurasi, Comune di Pratola Serra, Comune di Montefredane, Comune di Lapio, Comune di Chianche, Comune di Avellino

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc irpinia

Campania

Campania

Regione di riferimento: Campania
Enoregione: AREA VESUVIANA, CAMPI FLEGREI E ISCHIA, AVERSANO, CILENTO, IRPINIA,COSTIERA AMALFITANA, AREA SORRENTINA E CAPRI, LITORALE DOMIZIO E ALTRO CASERTANO, SANNIO
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Provincia di Benevento, Comune di Vitulano, Comune di Venticano, Comune di Tufo, Comune di Tramonti, Comune di Torrecuso, Comune di Terzigno, Comune di Taurasi, Comune di Solopaca, Comune di Sant'Agata De' Goti, Comune di Ravello, Comune di Pratola Serra, Comune di Pontelatone, Comune di Ponte, Comune di Petruro Irpino, Comune di Paupisi, Comune di Montefredane, Comune di Mondragone, Comune di Maiori, Comune di Lapio, Comune di Guardia Sanframondi, Comune di Furore, Comune di Chianche, Comune di Castelvenere, Comune di Campoli del Monte Taburno, Comune di Benevento, Comune di Avellino

Enti Interessati
mostra/nascondi

Campani

Taurasi

Taurasi

Regione di riferimento: Campania
Enoregione: IRPINIA
Tipo denominazione : DOCG
Enti Collegati
Comune di Venticano, Comune di Taurasi, Comune di Lapio

Enti Interessati
mostra/nascondi

Docg taurasi

News

Viticoltori di Lapio. Un nuovo vino per rilanciare il territorio del Fiano
I viticoltori della Città del Vino di Lapio, in provincia di Avellino, si organizzano per rilanciare la qualità e l' ...
continua »