Comune di Genazzano

  • Telefono: 06955791
  • Fax: 069579027
  • Sitoweb: Genazzano
  • Sede Amministrativa
    Piazza Santa Maria, 4 30 Genazzano (Roma)

Origine del nome

Conosciuto già ai tempi dell'antica Roma, quando era meta di villeggiatura della Gens Genucia (da qui l'origine del nome), Antonina e Iulia.. Il borgo si costituì nell'XI secolo e divenne feudo storico della famiglia Colonna, che dal Palazzo Baronale, comunemente chiamato dai paesani "Castello Colonna" (o ancora più semplicemente "Castello"), controllavano il passaggio verso Roma e Napoli. Diede i natali a Papa Martino V nato Ottone (o Oddone) Colonna (Genazzano, 1368 – Roma, 20 febbraio 1431) e a Giovanni Bracalone de Carlonibus detto Brancaleone, uno dei cavalieri della disfida di Barletta.

Il Territorio

  • Num. Abitanti: 6085
  • Altitudine: 375
  • Superficie: 32,07 km²
  • Santo Patrono: San Nicola, 6 dicembre
  • Codice ISTAT: 058042
  • Codice Catastale: D964
  • Prefisso: 06
  • PEC: comune.genazzano@pec.genazzano.org
  • Zona Sismica: 2B
  • Zona Climatica: D
  • Gradi Giorno: 1.886
  • Densita: 189,77 ab./km²
  • Dati forniti da Tuttitalia.it

Amministratore

Nome
Fabio Ascenzi


Storia

Genazzano è un centro posto al confine tra la provincia di Roma e quella di Frosinone; sorge edificato su di uno stretto sperone di tufo vulcanico a 375 metri slm che, con tenue inclinazione, declina dalle propaggini meridionali dei Monti Prenestini per immergersi nella vallata del fiume Sacco. Si trova a 45 km da Roma.
Lo stemma di Genazzano deve la sua ideazione alla "Disfida di Barletta", avvenuta nel 1503, che vide in contrapposizione 13 cavalieri italiani,che risultarono vincitori, e 13 cavalieri francesi. La partecipazione del cavaliere genazzanese Giovanni Brancaleone, diede motivo all'amministrazione comunale, nella seconda metà dell'Ottocento, di rappresentare lo stemma cittadino inserendovi tredici triangolini bianchi e tredici celesti, uno per cavaliere. Inoltre, a Genazzano, ogni anno per celebrare questa vittoria di Brancaleone, viene inscenata la Disfida.

Feste

Palio di Brancaleone, ogni anno a fine maggio, è la festa popolare con rievocazione storica della Disfida di Barletta, col giuramento dei cavalieri, la sfilata in costume rinascimentale, l’esibizione degli sbandieratori e certame cavalleresco.

Per la Festa della Madonna del Buon Consiglio, ogni 8 settembre, si svolgono i festeggiamenti mariani. La mattina si tiene la fiera a Piazza della Repubblica, nel pomeriggio si continua con la festa per arrivare alla festa della sera dove si tiene un concerto e l'estrazione della riffa. Il paese è coinvolto nella festa per tutta la settimana, con itinerari nelle tradizioni storiche, artistiche, religiose e popolari.

All’Infiorata, ogni prima domenica di luglio, partecipa gran parte della popolazione sia per la raccolta dei fiori sia per la realizzazione dei disegni; è una delle più antiche del Lazio (dal 1883). La processione del Sacro Cuore avviene, poi, nel tardo pomeriggio con numerosi personaggi in costume. Nel 2012 è entrata nel Guinnes con un'area totale del tappeto floreale di 1642, 57 metri quadrati (tappeto lungo oltre 1642 m per 1 metro di larghezza) ed è stata classificata per estensione il tappeto floreale più grande al mondo.

Informazioni Turistiche

DA VEDERE

Il Santuario della Madonna del Buon Consiglio è la chiesa più importante di Genazzano ed ha il rango di basilica minore. Della primitiva chiesa non resta altro che il portale scolpito in marmo bianco, che reca nel timpano un bassorilievo raffigurando la Vergine con il Bambino portati dagli angeli sopra le nubi. L'attuale Santuario fu costruito, senza che fosse toccata la cappella della Madonna, dal 1621 al 1629. La facciata, realizzata nel 1840, è ornata con sei pilastri ionici scanalati e quattro mosaici realizzati nel 1956; nel timpano la Madonna del Buon Consiglio con due angeli davanti a lei, gli altri due sono omaggi a Pio IX ed a Leone XIII. Si accede al Santuario mediante una gradinata di cinque scalini e tre porte di cui una, un tempo portone ligneo, è stata sostituita nel 1966 con una porta bronzea a rilievo.
L'interno è a tre navate, ampio presbiterio, altare maggiore di tipo monumentale, coro ligneo. Quest'ultimo, in noce lucida massiccia, è datato 1777.
L'altare maggiore è ricco di marmi policromi e pregiati e davanti vi è una notevole balaustra berniniana in marmo di Carrara. L'altare dello Spirito Santo con pala a olio su tela, raffigurante la Pentecoste, è opera della prima metà del XVII ed è attribuito alla scuola del Carracci. L'altare del Crocifisso custodisce un affresco di Gesù Crocifisso, risalente al XV secolo intorno al quale è nata una leggenda legata ad un fatto sconvolgente accaduto tra il 1541 ed il 1549.
Il santuario è meta di pellegrinaggi, grazie a miracoli e guarigioni miracolose, legate ad un evento anch'esso miracoloso, riguardante un affresco raffigurante la Madonna con il Bambino, che sarebbe giunto in volo e che si sarebbe attaccato, miracolosamente, alla chiesa il 25 aprile 1467, durante la festa di san Marco.

Da vedere anche: la Chiesa della S. Croce, la Chiesa di S. Paolo, la Chiesa di S. Nicola, la Chiesa di S. Giovanni e il Convento di San Pio.

Per l’architettura civile si segnalano: il palazzo Apolloni Vannutelli; il Castello Colonna, il Ninfeo di Donato Bramante, l’Acquedotto Claudio di origini romane, porta San Biagio, porta Romana detta "La Puorta", la Casa di Brancaleone. Merita una visita anche il Parco degli Elcini.

Denominazioni collegate

Lazio

Lazio

Regione di riferimento: Lazio
Enoregione: ALTO FRUSINATE, CASTELLI ROMANI, COSTA TIRRENICA DEL BASSO LAZIO, ETRURIA VITERBESE, TERRE DEL CESANESE E CIOCIARIA, TEVERE SETTENTRIONALE
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Comune di Zagarolo, Comune di Serrone, Comune di Roma Capitale, Comune di Piglio, Comune di Olevano Romano, Comune di Nemi, Comune di Monte Porzio Catone, Comune di Marino, Comune di Lanuvio, Comune di Genzano di Roma, Comune di Genazzano, Comune di Frascati, Comune di Colonna, Comune di Castiglione in Teverina, Comune di Anagni

Enti Interessati
mostra/nascondi

Lazio

Cesanese di Olevano Romano o Olevano Romano

Cesanese di Olevano Romano o Olevano Romano

Regione di riferimento: Lazio
Enoregione: TERRE DEL CESANESE E CIOCIARIA
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Olevano Romano, Comune di Genazzano

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc cesanese di olevano romano o olevano romano

Genazzano

Genazzano

Regione di riferimento: Lazio
Enoregione: TERRE DEL CESANESE E CIOCIARIA
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Olevano Romano, Comune di Genazzano

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc genazzano

Roma

Roma

Regione di riferimento: Lazio
Enoregione: CASTELLI ROMANI, COSTA TIRRENICA DEL BASSO LAZIO, ETRURIA VITERBESE, TERRE DEL CESANESE E CIOCIARIA, TEVERE SETTENTRIONALE
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Zagarolo, Comune di Roma Capitale, Comune di Olevano Romano, Comune di Nemi, Comune di Monte Porzio Catone, Comune di Marino, Comune di Lanuvio, Comune di Genzano di Roma, Comune di Genazzano, Comune di Frascati, Comune di Colonna

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc roma

News

In Georgia le più antiche tracce di vinificazione
Per approcciare in modo efficace la storia della vite occorre riportarsi a 60 milioni di anni fa, nel caldissimo Eocene, che vide ...
continua »
Assemblea Città del Vino del Veneto
Assemblea Regionale Città del Vino del Veneto 24 novembre 2017, Municipio Città di Portogruaro L'Associazione Nazio ...
continua »
La festa dell'olio e del vino novello
E’ da poco diventata maggiorenne la Festa dell’Olio e del Vino novello di Vignanello, nella Tuscia viterbese, e, dopo ...
continua »