Comune di Cinto Euganeo

  • Telefono: 0429 94083
  • Fax: 0429 94084
  • Sitoweb: Cinto Euganeo
  • Sede Amministrativa
    Via Roma 20 35030 Cinto Euganeo (Padova)

Origine del nome

Attestato nelle forme Quinto e Cincto, deriva dal latino quintus in riferimento al quinto miglio di distanza lungo il percorso di una strada romana dal centro di Este. La specifica si riferisce ai vicini Colli Euganei. (fonte: www.comuni-italiani.it)

Il Territorio

  • Num. Abitanti: 2030
  • Altitudine: 35
  • Superficie: 19.76
  • Santo Patrono: Madonna Immacolata
  • Codice ISTAT: 28031
  • Codice Catastale: C713
  • Prefisso: 429
  • PEC: cintoeuganeo.pd@cert.ip-veneto.net
  • Zona Sismica: 4
  • Zona Climatica: E
  • Gradi Giorno: 2421
  • Dati forniti da Tuttitalia.it

Amministratore

Nome
Lucio Trevisan


Storia

Abitato fin dalla preistoria, Cinto Euganeo fu inizialmente colonia romana appartenente alla gens Quintia: risale proprio a questo periodo l'acquedotto romano di Valnogaredo, tuttora in funzione. In epoca barbarica divenne una rocca fortificata, il cui castello rafforzato da Ezzelino, fu raso al suolo nel 1313, durante il conflitto tra Scaligeri e Carraresi. La frazione di Fontanafredda, in particolare, fu teatro dagli eventi che ebbero luogo tra il XI secolo e il XIII secolo e videro protagonisti i vari componenti della famiglia degli Ezzelini. Le loro proprietà furono minuziosamente accertate, censite e documentate dopo la loro definitiva sconfitta, avvenuta nel 1260. Nel XVII secolo, sotto la dominazione veneziana, fu costruita la Villa Contarini a Valnogaredo, che un tempo ospitava ben 326 tele di eminenti artisti, in seguito alienate. (fonte: it.wikipedia.org)

Informazioni Turistiche

Fino al 1826 Cinto era annoverato nella diocesi veronese: degna di nota tra le chiese l'arcipretale dell'Assunta, con campanile Medioevo e chiesa tardo-rinascimentale del 1590, rimaneggiata a più riprese fino al 1776. Altre ville e siti d'interesse storico, culturale, artistico:

Villa Alessi Sperandio, Fontana, a Faedo: costruita nel 1300 come castello a scopo di difesa, poi riconvertita ad abitazione per uso civile, ora rinnovata a struttura ricettiva e alloggi.

Villa Camposampiero a Fontanafredda: risalente al 1600, adibita a Casa Canonica da più di due secoli

Villa Cavalli Pesaro Riolfatto, a Cornoleda: edificio del 1400

Villa Pesaro Maldura Gallo: edificio del 1500

Chiesa di Cinto Euganeo: costruita nel 1590, il cui campanile fu eretto sui resti di una torre del Castello del Monte Cinto, distrutto nel 1242 con il passaggio di Ezzelino da Romano

Chiesa di Faedo: costruita nel 1497 sui ruderi della precedente. Nel corso dei secoli venne riedificata per ben 5 volte, in seguito ad eventi incruenti come l'incendio del 1556 e il terremoto del 1775. L'ultima ricostruzione risale al periodo 1815 - 1818, dopo che venne distrutta da una frana nel 1812

Chiesa di Fontanafredda: costruita nel 1718, conserva al suo interno pregiate tele e l'altare del Sansovino

Chiesa di Valnogaredo: documentata dal 1297 ma ricostruita dai Contarini nel 1519 e poi ristrutturata in stile barocco nel 1758, fu dichiarata nel 1921 monumento nazionale per la pregevole architettura e per i tesori artistici che conserva al suo interno (ta i quali diversi affreschi di Jacopo Guarana del XVIII secolo e satue del Bonazza sulla facciata)

Chiesa di Cornoleda: edificio del 1700 in stile rinascimentale

Chiesetta di Santa Lucia: del 1464, restaurata recentemente

Oratorio di San Gaetano: del 1669, si trova in località Monte Fasolo a Faedo

Museo Geopaleontologico Cava Bomba a Cinto: custodisce reperti antichi e fossili della zona

Buso della Casara a Valnogaredo: un vero e proprio sistema di gallerie e cunicoli ad altezza d'uomo ricavati nel sito di una antica sorgente, per l'approvvigionamento idrico, scavati e collegati dai romani all'acquedotto che giungeva fino all'antica città di Atheste, odierna Este.

Buso dei Briganti: sperone di roccia dalla forma particolare che si protende su uno strapiombo molto suggestivo, sul versante occidentale del Monte Cinto, dal quale si può abbracciare il paesaggio della pianura ad ovest dei colli Euganei. Nell’Ottocento una banda di fuorilegge scelse questo luogo come nascondiglio dalla gendarmeria austriaca di Este.(La visita di questo luogo è interessante poiché permette di comprendere come la posizione strategica di Monte Cinto abbia favorito per molti secoli l’insediamento umano.)

Monastero Olivetani: i ruderi, che sorgono appena oltre i confini del territorio comunale, sono ancora attualmente visibili sulla cima del Monte Venda e raggiungibili dal "Sentiero del Monte Venda" e dal "Sentiero G.G. Lorenzoni" (link al sito del Parco) 

Terme della Val Calaona: documentate fin dall'epoca romana, furono sede di floridi Stabilimenti Termali fino al XIX° Secolo, con servizi di carrozze trainate da cavalli che giungevano da Este e altre città dell'Italia Settentrionale. Le Terme della Val Calaona compaiono, con fascino, già nei primi esempi di locandine storiche e foto pubblicitarie del 1800. Dopo la chiusura, furono da sempre utilizzate liberamente dalla popolazione locale; le persone amavano immergersi nell'acqua che sgorgava all'aperto quasi bollente e ininterrottamente durante tutto il corso dell'anno. Negli anni novanta, le sorgenti vennero chiuse per sfruttare l'acqua termale, discutibilmente, al solo scopo florovivaistico, attività attualmente praticata. Sono ancora visibili sul posto le strutture delle vasche e degli edifici storici termali. (fonte: www.comune.cintoeuganeo.pd.it)

Denominazioni collegati

Prosecco

Prosecco

Regione di riferimento: Veneto
Enoregione: COLLINE CENTRALI, CONEGLIANO E VALDOBBIADENE, PEDEMONTANA CENTRALE, PIANURA OCCIDENTALE, PIANURA ORIENTALE, TERRE DEL SOAVE
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Vo', Comune di Vittorio Veneto, Comune di Vidor, Comune di Vazzola, Comune di Valdobbiadene, Comune di Susegana, Comune di San Polo di Piave, Comune di San Pietro di Feletto, Comune di Rovolon, Comune di Refrontolo, Comune di Pramaggiore, Comune di Portogruaro, Comune di Ponte di Piave, Comune di Pieve di Soligo, Comune di Ormelle, Comune di Montebelluna, Comune di Miane, Comune di Mareno di Piave, Comune di Lonigo, Comune di Gorgo al Monticano, Comune di Godega di Sant'Urbano, Comune di Farra di Soligo, Comune di Conegliano, Comune di Cona, Comune di Cinto Euganeo, Comune di Brentino Belluno, Comune di Breganze, Comune di Bardolino, Comune di Baone, Comune di Asolo, Comune di Arquà Petrarca, Comune di Annone Veneto

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc prosecco

Colli Euganei Fior d'Arancio o Fior d'Arancio

Colli Euganei Fior d'Arancio o Fior d'Arancio

Regione di riferimento: Veneto
Enoregione: COLLINE CENTRALI
Tipo denominazione : DOCG
Enti Collegati
Comune di Vo', Comune di Rovolon, Comune di Cinto Euganeo, Comune di Baone, Comune di Arquà Petrarca

Enti Interessati
mostra/nascondi

Docg colli euganei fior d arancio o fior d arancio colli euganei

Colli Euganei

Colli Euganei

Regione di riferimento: Veneto
Enoregione: COLLINE CENTRALI
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Rovolon, Comune di Cinto Euganeo, Comune di Baone, Comune di Arquà Petrarca, Comune di Vo'

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc colli euganei

Veneto

Veneto

Regione di riferimento: Veneto
Enoregione: COLLINE CENTRALI, CONEGLIANO E VALDOBBIADENE, GARDA VENETO, PEDEMONTANA CENTRALE, PIANURA OCCIDENTALE, PIANURA ORIENTALE, TERRE DEL SOAVE, VALPOLICELLA
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Comune di Vo', Comune di Vittorio Veneto, Comune di Vidor, Comune di Vazzola, Comune di Valdobbiadene, Comune di Susegana, Comune di San Polo di Piave, Comune di San Pietro in Cariano, Comune di San Pietro di Feletto, Comune di Rovolon, Comune di Roncà, Comune di Refrontolo, Comune di Pramaggiore, Comune di Portogruaro, Comune di Ponte di Piave, Comune di Pieve di Soligo, Comune di Ormelle, Comune di Monteforte d'Alpone, Comune di Montebelluna, Comune di Miane, Comune di Mezzane di Sotto, Comune di Mareno di Piave, Comune di Marano di Valpolicella, Comune di Lonigo, Comune di Lazise, Comune di Illasi, Comune di Gorgo al Monticano, Comune di Godega di Sant'Urbano, Comune di Farra di Soligo, Comune di Dolcè, Comune di Conegliano, Comune di Cona, Comune di Colognola ai Colli, Comune di Cison di Valmarino, Comune di Cinto Euganeo, Comune di Brentino Belluno, Comune di Breganze, Comune di Bardolino, Comune di Barbarano Vicentino, Comune di Baone, Comune di Asolo, Comune di Arquà Petrarca, Comune di Annone Veneto

Enti Interessati
mostra/nascondi

Veneto

delle Venezie

delle Venezie

Regione di riferimento: Veneto
Enoregione: COLLINE CENTRALI, CONEGLIANO E VALDOBBIADENE, GARDA VENETO, PEDEMONTANA CENTRALE, PIANURA OCCIDENTALE, PIANURA ORIENTALE, TERRE DEL SOAVE, VALPOLICELLA
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Comune di Vo', Comune di Vittorio Veneto, Comune di Vidor, Comune di San Pietro in Cariano, Comune di San Pietro di Feletto, Comune di Rovolon, Comune di Roncà, Comune di Refrontolo, Comune di Pramaggiore, Comune di Portogruaro, Comune di Monteforte d'Alpone, Comune di Mezzane di Sotto, Comune di Marano di Valpolicella, Comune di Godega di Sant'Urbano, Comune di Cona, Comune di Cison di Valmarino, Comune di Cinto Euganeo, Comune di Baone, Comune di Arquà Petrarca, Comune di Annone Veneto

Enti Interessati
mostra/nascondi

Delle venezie

News

Facoltà di Gastronomia? Un coro di consensi
Il dibattito lanciato da Italia a Tavola sull'utilità di istituire una facoltà di Gastronomia continua a raccogliere ...
continua »
Torna “Aggiungi un borgo a tavola”
Inizia il conto alla rovescia per l’appuntamento annuale - in edizione speciale per il 2017 - di Touring Club Italiano dedic ...
continua »
Karate e Prosecco doc: modelli di sostenibilità a confronto
Sarà un Mondiale carbon free, il primo evento sportivo internazionale a impatto ambientale zero organizzato in Italia. E sa ...
continua »