Comune di Bertiolo

  • Telefono: 0432 917711
  • Fax: 0432 917860
  • Sitoweb: Bertiolo
  • Sede Amministrativa
    Viale Rimembranze 1 33032 Bertiolo (Udine)

Origine del nome

L'origine dei nome "Bertiolo" è alquanto discussa e ne vengono tramandate diverse versioni: la prima è sostenuta da don Biagio Morelli, il quale affermava che Bertiolo fosse di origine romana e quindi faceva risalire l'origine etimologica del nome a PRATUM JULII, cioe "prato di Giulio Cesare". La seconda versione prende in esame la radice "BRAT" che si puo ricollegare alle presenze slave che in queste zone sono sempre state molto marcate, col significato di amicizia, fratellanza. L'ultima ipotesi e di origine popolare e si rifa a un nome di persona Bertus, che avrebbe dimorato in una localita palustre chiamata "olis".

Il Territorio

  • Num. Abitanti: 2565
  • Altitudine: 33
  • Superficie: 26.07
  • Santo Patrono: San Martino
  • Codice ISTAT: 30010
  • Codice Catastale: A810
  • Prefisso: 432
  • PEC: comune.bertiolo@certgov.fvg.it
  • Zona Sismica: 3
  • Zona Climatica: E
  • Gradi Giorno: 2449
  • Dati forniti da Tuttitalia.it

Amministratore

Nome
Eleonora Viscardis


Storia

I primi dati storici risalgono al periodo di Cesare: si ritiene che nelle grandi praterie a cavallo della Stradalta, l'antica via Postumia che collegava Roma con l'Illirico, esistessero accampamenti stabili delle legioni romane; ne sono prova i diversi segni di romanita ritrovati durante la realizzazione di alcuni scavi per lavori agricoli.La vita e la storia di Bertiolo è legata alla sua vicinanza alla Stradalta, la quale muto il suo nome in "Strata Ungarorum" per il frequente passaggio degli Ungari. A causa delle violente scorribande di questa popolazione, gli abitanti della Bassa Friulana chiesero ai Patriarchi di Aquileia protezione ed aiuto, determinando la nascita di un principato al tempo stesso civile e religioso, che duro fino al 1420. Oggi Bertiolo conta circa 2500 abitanti comprese le frazioni di Pozzecco, Sterpo e Virco. Numerose sono le attività e le aziende del paese ma la maggioranza e rappresentata dal settore agricolo, con una forte preponderanza per quanto riguarda la viticoltura, vera espressione del carattere della zona. Proprio le uve che crescono sul tipico terreno ghiaioso di Bertiolo danno quei vini che hanno ispirato la Festa del Vino, rendendola un appuntamento conosciuto in tutta la regione e non solo. 

Feste

Durante l'anno il paese è rallegrato dalle varie manifestazioni ed eventi che vengono organizzati dal Comune, dalle associazioni e dalla Pro Loco: a partire dal falò Epifanico in febbraio, al Carnevale in marzo, dalla Festa del Vino nello stesso mese a Calici di Stelle in agosto e cosi via; fino al Natale e la festa per gli anziani in dicembre.

Famosa nella zona è la Festa del vino che ha come contorno animazioni, concerti e vari avvenimenti che non distolgono comunque al vino il ruolo di protagonista. L'evento si svolge annualmente nel mese di marzo a cavallo della ricorrenza religiosa di San Giuseppe. Nata nel 1950 si é sviluppata apportando opportuni adeguamenti allo stile ed alle esigenze del pubblico. Caratteristica peculiare fin dalla nascita è stata, e lo è ancora oggi, l’allestimento dei tipici chioschi per la mescita del vino e dei prodotti agro-alimentari locali lungo le vie del paese. Nel 1984, nasceva la Mostra concorso vini DOC, denominata “Bertiûl tal Friûl”, alla quale inizialmente partecipavano solamente i vini appartenenti al Consorzio per la tutela vini DOC Friuli GRAVE. Dal 2011 le aziende che vi partecipano fanno parte di tutti i consorzi per la tutela dei vini DOC Friuli ricoprendo l'intero territorio regionale.  

Il Carnevale Bertiolese porta annualmente la magia e l'allegria tipica del periodo lungo le vie del paese. La sfilata sui carri è attesissima dai bambini, che con i genitori e le maestre di scuola, portano "in scena" un tema frutto della loro fantasia. Alla sfilata possono partecipare tutti i gruppi che lo desiderano: la Filarmonica partecipa è da sempre presente e non mancano anche gruppi costituiti da due o più amici che per un giorno vogliono divertirsi tra scherzi e coriandoli! Il miglior gruppo, poi, viene premiato con la Mascherina D'argento e a tutti viene dato un attestato di partecipazione.

Informazioni Turistiche

La fortunata posizione geografica del paese è fonte di un cospicuo turismo che cerca sia le bellezze architettoniche e museali offerte dalla vicina Villa Manin, sia i forniti percorsi naturalistici che si possono affrontare in bicicletta o a piedi, sia la vicinanza del mare ad una sola mezz'oretta d'auto.

Villa Manin è una splendida villa veneta sita a Passariano di Codroipo, ad una manciata di minuti da Bertiolo. Gemma verde nella campagna friulana, conquista i visitatori per l'eleganza della sua struttura, per la ricchezza decorativa e per il grande equilibrio tra architettura e ambiente. Tra gli eventi storici di maggior rilievo che si sono svolti in essa c'è la firma, nel 1797, del Trattato di Campoformido tra Napoleone e l'Austria. Al suo interno potete visitare la cappella, le scuderie, l'armeria, il museo delle carrozze e gli splendidi saloni del corpo centrale. Di particolare interesse è poi la sala un tempo adibita a servizi di rappresentanza, affrescata dal pittore francese Ludovico Dorigny nel XVIII secolo. Inoltre, nella torre dell'esedra di ponente, c'è la sede regionale delle Pro Loco che organizza, ogni anno, un bellissimo evento nel prato antistante: Sapori Pro Loco, rassegna enogastronomica delle associazioni che richiama, nel mese di maggio, moltissimi visitatori. Durante alcuni periodi dell'anno la villa è sede di diverse mostre, anche a carattere europeo, che hanno lo scopo di approfondire e diffondere la cultura del territorio e far ammirare i capolavori artistici dei maggiori rappresentanti nelle diverse discipline; tra le quali anche la musica: lo scorcio storico della Villa si è prestato anche a magnifico sfondo per i diversi concerti che vi si sono tenuti.

"Life friuli fens" è un progetto curato dalla direzione centrale risorse agricole, naturali forestali e montagna - Servizio tutela ambienti naturali e fauna, della Regione in paternariato con le amministrazioni comunali di Bertiolo, Castions di Strada, Gonars, Talmassons, dedicato alla conservazione delle ultime torbiere alcaline della pianura friulana, alla loro ricostruzione a partire da terreni agricoli ed alla salvaguardia dall'estinzione delle piante rare ed endemiche che vi sopravvivono. Fino all'inizio del XX secolo esisteva nella bassa pianura del Friuli una grande zona umida di oltre 6000 ettari, creata, dopo l'ultima glaciazione, dalla ininterrotta emersione in superficie di acque calcaree sotterranee provenienti dalle vicine Prealpi orientali. Le acque emergenti scorrevano liberamente tra le ghiaie e le sabbie, creando olle, ruscelli e vaste torbiere alcaline, intercalate da praterie umide sui dossi argillosi.Dopo le grandi bonifiche del XX secolo, solo pochi isolati frammenti di questo straordinario habitat sopravvivono, disperse tra i campi di mais ad alta produttivita, piantagioni di pioppo ibrido e peschiere. L'incredibile ricchezza floristica presente in queste aree, chiamate "risorgive", e percio a forte rischio: le popolazioni delle piante endemiche delle torbiere alcaline e di altre specie rare sono in continua diminuzione, anche a causa del'abbassamento della falda freatica e dei periodi di siccita che sempre piu spesso investono la regione.  

A pochi chilometri dal comune di Bertiolo sorge l'abitato di Sterpo, particolare frazione che merita una visita di qualche ora per ammirare le peculiarità che il paese ha da offrire. Ne è un esempio Villa Otellio con il suo parco, che ospita la famosa farnia, albero monumentale iscirtto al registro friulano da parte dell'azienda dei Parchi e delle Foreste della Regione del Friuli Venezia Giulia e che può vantare quasi cinque secoli di storia avvicendatasi sotto le sue fronde. L’altezza della pianta raggiunge i 21 metri, la circonferenza è di metri 7.70 e i suoi rami inferiori si estendono per oltre 33 metri. Il tranquillo paese ospita inoltre uno dei pochi mulini originali della zona ancora in attività - risalente al diciottesimo secolo - che prende l'energia dal fiume Stella; angolo di natura tanto caro a questi luoghi, che lambisce e serpeggia attraverso i campi della zona formando incantevoli angoli e dando l'habitat alla flora e fauna che si possono vedere facendo una passeggiata nei campi vicini.

Denominazioni collegate

Friuli-Grave

Friuli-Grave

Regione di riferimento: Friuli Venezia Giulia
Enoregione: GRAVE DEL FRIULI, PIANURA FRIULANA
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Trivignano Udinese, Comune di San Giovanni al Natisone, Comune di San Giorgio della Richinvelda, Comune di Premariacco, Comune di Manzano, Comune di Corno di Rosazzo, Comune di Cividale del Friuli, Comune di Chiopris Viscone, Comune di Casarsa della Delizia, Comune di Camino al Tagliamento, Comune di Buttrio, Comune di Bertiolo

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc friuli grave

Prosecco

Prosecco

Regione di riferimento: Friuli Venezia Giulia
Enoregione: CARSO TRIESTINO, COLLI ORIENTALI FRIULANI, GRAVE DEL FRIULI, PIANURA FRIULANA
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Torreano, Comune di San Giovanni al Natisone, Comune di San Giorgio della Richinvelda, Comune di San Floriano del Collio, Comune di Prepotto, Comune di Premariacco, Comune di Nimis, Comune di Manzano, Comune di Latisana, Comune di Gorizia, Comune di Duino Aurisina, Comune di Dolegna del Collio, Comune di Corno di Rosazzo, Comune di Cormons, Comune di Cison di Valmarino, Comune di Casarsa della Delizia, Comune di Capriva del Friuli, Comune di Buttrio, Comune di Bertiolo, Comune di Aquileia, Comune di Trivignano Udinese

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc prosecco

Venezia Giulia

Venezia Giulia

Regione di riferimento: Friuli Venezia Giulia
Enoregione: CARSO TRIESTINO, COLLI ORIENTALI FRIULANI, GRAVE DEL FRIULI, PIANURA FRIULANA
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Comune di Trivignano Udinese, Comune di Torreano, Comune di San Giovanni al Natisone, Comune di San Giorgio della Richinvelda, Comune di San Floriano del Collio, Comune di Prepotto, Comune di Premariacco, Comune di Nimis, Comune di Manzano, Comune di Latisana, Comune di Gorizia, Comune di Duino Aurisina, Comune di Dolegna del Collio, Comune di Corno di Rosazzo, Comune di Cormons, Comune di Cividale del Friuli, Comune di Chiopris Viscone, Comune di Casarsa della Delizia, Comune di Capriva del Friuli, Comune di Camino al Tagliamento, Comune di Buttrio, Comune di Bertiolo, Comune di Aquileia

Enti Interessati
mostra/nascondi

Venezia giulia

delle Venezie

delle Venezie

Regione di riferimento: Friuli Venezia Giulia
Enoregione: CARSO TRIESTINO, COLLI ORIENTALI FRIULANI, GRAVE DEL FRIULI, PIANURA FRIULANA,
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Comune di Valdobbiadene, Comune di Torreano, Comune di San Giovanni al Natisone, Comune di San Giorgio della Richinvelda, Comune di San Floriano del Collio, Comune di Prepotto, Comune di Premariacco, Comune di Nimis, Comune di Manzano, Comune di Latisana, Comune di Gorizia, Comune di Duino Aurisina, Comune di Dolegna del Collio, Comune di Corno di Rosazzo, Comune di Cormons, Comune di Cividale del Friuli, Comune di Chiopris Viscone, Comune di Casarsa della Delizia, Comune di Capriva del Friuli, Comune di Camino al Tagliamento, Comune di Buttrio, Comune di Besenello, Comune di Bertiolo

Enti Interessati
mostra/nascondi

Delle venezie

News

In Georgia le più antiche tracce di vinificazione
Per approcciare in modo efficace la storia della vite occorre riportarsi a 60 milioni di anni fa, nel caldissimo Eocene, che vide ...
continua »
Assemblea Città del Vino del Veneto
Assemblea Regionale Città del Vino del Veneto 24 novembre 2017, Municipio Città di Portogruaro L'Associazione Nazio ...
continua »
La festa dell'olio e del vino novello
E’ da poco diventata maggiorenne la Festa dell’Olio e del Vino novello di Vignanello, nella Tuscia viterbese, e, dopo ...
continua »