Società Agricola Grosjean Vins

  • Telefono: +39 0165 775791 - +39 3497178690
  • Sitoweb: Società Agricola Grosjean Vins
  • Sede Amministrativa
    Fraz. Ollignan 2 11020 Quart (Aosta) Italia
  • Descrizione

    Cinquant’anni di passione, 120mila bottiglie l’anno, 16 ettari di superficie: questi i numeri di un’Azienda che da sempre vive a profondo contatto con il territorio con il forte desiderio di preservarlo e valorizzarlo.

    Già nel 1968 il nonno Dauphin - che iniziò ad imbottigliare il proprio vino per presentarlo alla “II Exposition des Vins du Val d’Aoste” - non faceva uso di pesticidi ed acaricidi, i suoi eredi con coraggio nel 2011 lavorarono duramente per ottenere la certificazione biologica e oggi la terza generazione di viticoltori è impegnata a dare concretezza e continuità a questa opera di salvaguardia, con l’implementazione dell’impianto fotovoltaico per fare un esempio.

    La Vigna Tzeriat, la più antica, ospita la migliore selezione di Pinot Noir. Nella Rovettaz, fino a qualche tempo fa interamente ricoperta di boschi di roverella per lo più incolti, trovano ottimamente sede Petit Rouge, Petite Arvine, Fumin, Cornalin e Syrah. In quella del Touroun (Torrente in Patois, il dialetto valdostano), la più pianeggiante, Fumin, Petit Rouge e Muscat Petit Grain sfidano le numerose morene che ricordano l’origine glaciale e il terreno povero e sassoso.

    In cima alla collinetta ventata su cui si adagia la Creton, sorgeva la prima cantina di famiglia: sulle sue pendici troviamo le uve di bacca bianca Traminer, Muscat Petit Grain e Chardonnay. La piccola Merletta, esposta a Sud e riscaldata dai muri di contenimento, offre un’ottima casa al Fumin Merletta. Come ricorda il nome, nella Gran Proux (o prato grande) in passato pascolava il bestiame: convertita poi a frutteto, offre ora dimora allo Chardonnay. La Senin, la più alta, ha un terreno favorevole alla Premetta biologica. Il miglior Gamay è infine coltivato nella Vigna Tsati, adiacente al Castello Passerin d’Entrèves di Saint Christophe.

    La XVII edizione della Selezione del Sindaco ha insignito di una Medaglia d’Oro la DOC Valle d'Aosta Petite Arvine Vigne Rovettaz del 2016, ottenuta da viti coltivate a 550 m s.l.m., in un clima particolarmente asciutto e ventilato, dove vengono utilizzate solo tecniche agronomiche eco-compatibili. Il vino che ne scaturisce ha colore paglierino brillante, con profumi intensi, note floreali e sensazioni di agrumi, in particolare pompelmo rosa; la buona sapidità e la struttura acida ben equilibrata gli consentono una lunga vita evolutiva. Si abbina bene con antipasti, con carni bianche e con il pesce.

    News

    La notte degli alambicchi accesi, un'altra edizione da record
    Ancora una volta tutto esaurito per La notte degli alambicchi accesi, evento dedicato alla grappa artigianale trentina&n ...
    continua »
    Città dell’Olio e Città del Vino insieme per lo sviluppo del turismo enogastronomico
    Città dell’Olio e Città del Vino insieme per lo sviluppo del turismo enogastronomico Firmato a Carpino (Fogg ...
    continua »
    La Città Europea del Vino 2019 parte da Montecitorio
    La ‘Città Europea del Vino 2019’ parte da Montecitorio.   Mercoledì 12 dicembre alla Camera dei ...
    continua »