Azienda Agricola Loschi Enrico

  • Telefono: +39 0523895560 - +39 3388887809
  • Sitoweb: Azienda Agricola Loschi Enrico
  • Sede Amministrativa
    Via Riva 10 29010 Bacedasco Alto (Piacenza) Italia
  • Descrizione

    L'Azienda di Enrico Loschi, che eredita la passione per questo mestiere dal padre Adelmo, sorge nel piacentino.

    Nel tempo le tecniche di lavorazione, sia nel vigneto che in cantina, si sono modernizzate ma è rimasta inalterata la scelta di produrre vini con le sole uve provenienti dai propri vigneti e raccolte rigorosamente a mano. Attenzione ai dettagli, rispetto del territorio, impegno, tenacia ed esperienza maturata anno dopo anno, consentono di produrre uve di ottimo pregio necessarie per ottenere vini di alta qualità.

    La caratteristica principale dell’Azienda, sita sulle colline di Bacedasco Alto, in Val d’Arda, in zona delle terre del Piacenziano, è la pendenza superiore al 30% dei propri vigneti, fattore che rende particolarmente eroica la lavorazione e che favorisce costantemente prodotti di alta qualità. Tra questi il Monterosso Val D'Arda Terre di Guccio della DOC Colli Piacentini, che alla XVII edizione della Selezione del Sindaco ha meritato una Medaglia d’Oro: giallo paglierino con riflessi dorati, ha profumi ampi, aromatici complessi con sensazioni di frutta fresca esotica ed è fresco al palato, strutturato e persistente, dal retrogusto balsamico. Ottimo con pesce di fiume, carni bianche e formaggi di media stagionatura.

    News

    Benetutti (SS), consegna della bandiera dell’Associazione Nazionale Città del Vino
      Benetutti (SS), consegna della bandiera dell’Associazione Nazionale “Città del Vino” Sabato 15 gi ...
    continua »
    Sassari, concluso il corso di base di viticoltura
      Sassari, concluso il corso di base di viticoltura   Dopo 12 intense lezioni teorico-pratiche iniziate il 5 febbraio 20 ...
    continua »
    Enovitis in campo nel cuore del Nobile
    “Enovitis in Campo è ormai un punto di riferimento per il settore della viticoltura e dell’enologia italiane e ...
    continua »