Tradizione centenaria e tutela degli ecosistemi per una produzione di alta qualita'

Tradizione centenaria  e tutela degli ecosistemi per una produzione di alta qualita'


Colline del Soleè una piccola azienda vitivinicola a conduzione familiare situata nel cuore dell’areale della DOCG del Greco di Tufo. Nasce dalla volontà della famiglia Iommazzo di dare continuità alla propria tradizione centenaria di viticoltori, arricchendola con elementi innovativi, nel rispetto delle proprie origini. Dagli anni ‘90 l´Azienda ha iniziato a crescere considerevolmente, impiantando vigneti di gran pregio in provincia di Avellino e Benevento, privilegiando le tecniche di agricoltura integrata a tutela degli ecosistemi e della qualità della materia prima. L´enologo Roberto e sua moglie Bianca, la titolare, curano personalmente tutte le operazioni sia di tipo agricolo che di cantina, portando avanti la ricerca di tecniche e tecnologie agronomiche ed enologiche per rendere sempre più curata la produzione.

Il risultato è una vasta gamma di etichette, dodici per la precisione, derivanti dai principali vitigni dell’avellinese e non solo. Spiccano le DOCG Greco di Tufo (dai vigneti di Torrioni e Tufo), Fiano di Avellino (da Montefalcione) e Taurasi (da Torre le Nocelle); le DOC Irpinia Falanghina, Irpinia Aglianico, Sannio Falanghina e Coda di volpe; le IGT Campania Greco, Fiano, Aglianico e Beneventano Falanghina e infine lo Spumante Brut, ottenuto con Metodo Martinotti da uve di greco di tufo in purezza.

Il Greco di Tufo DOCG, vino di punta dell’azienda, è frutto dell’omonimo vitigno, nonché il più antico dell’avellinese. La straordinaria, accesa pigmentazione dona alle sue uve un bel colore giallo intenso, a tratti ambrato, nel momento della maturazione. All’assaggio risulta molto fresco grazie alla spiccata acidità e mineralità e di notevole corpo, lasciando un gradevole senso di pienezza in bocca; ricco e interessante il profilo aromatico, dove spiccano note floreali e fruttate nonché quelle speziate, esaltate dai terreni argillosi e da una buona esposizione al sole.

Il Fiano di Avellino deriva il suo nome da vitis apiana poiché le api sono incredibilmente attratte dalla sua dolcezza; di colore giallo paglierino carico con riflessi brillanti, rivela nitidi profumi di fiori ed erbe aromatiche e si presta molto bene alla maturazione grazie alla sua ricchezza in precursori d’aroma che ne rivelano con il tempo note mielate e di frutta candita.

Denso e deciso all’assaggio, il Taurasi ottenuto dall'invecchiamento dell'aglianico in barrique di rovere, nelle quali risalta il suo colore rubino intenso, sviluppa un bouquet delicato con sentori floreali, di spezie e piccoli frutti, arricchito dalla presenza di un tannino vellutato.