Al via il Millennials Fest 2017 Siena Food Innovation

Al via il Millennials Fest 2017 Siena Food Innovation


Prende il via oggi 5 ottobre il Millennials Fest 2017 Siena Food Innovation. Si apre la due giorni per scoprire l’innovazione e la ricerca nel mondo agrifood, dell’agricoltura, del cibo, del benessere con tante proposte dei giovani millennials che già operano in questo settore. Protagonisti di Siena Food Innovation, le botteghe dell’affresco del Buongoverno per la prima volta “live”, per raccontare la prima filiera corta che la storia dell’arte rappresenta, con i suoi valori di sostenibilità. E poi il Future Zone con l’orto in cassetta, l’arnia didattica, il drone che fa analisi di precisione in agricoltura, la prima batteria a flusso realizzata con una molecola organica, ovvero con il chinone estratto dal rabarbaro. Ed ancora, venti storie di creatività e innovazione nell’agri-food. Il tutto insieme al primo Food Hackathon Show della scuola italiana dedicato al cibo con circa 240 ragazzi della scuola italiana. E poi tanti momenti di approfondimento e dibattito.  E a conclusione della prima giornata, al Teatro dei Rinnovati, Millennials Festival Special Event in collaborazione con l’Accademia Chigiana e Rai News 24, lo spettacolo “Assedi: Frammenti di Reportage”, opera multimediale tratta dai reportage RAI in Iraq e Siria di Lucia Goracci con Orchestra Sinfonica Abruzzese. 

ASSEDIO parla di Mosul e del terribile assedio della città. Qualcuno si potrebbe chiedere cosa c’entra questo lavoro con il cibo - osserva Fiorino Iantorno, direttore del Santa Chiara Lab, che ha curato l’organizzazione ed è direttore artistico del progetto - Ho scelto di ospitare questa originale lavoro dell’orchestra sinfonica Abruzzese e Lucia Goracci perchè l’assedio alla città si è giocato tutto sulla mancanza di cibo e di acqua. Le immagini degli abitanti di Mosul affamati e stremati ci ricordano i volti degli uomini e delle donne dei campi di sterminio di 70 anni fa. Mosul ci ricorda che il cibo e l’acqua sono ancora strumenti politici per piegare i popoli”.

In due giorni abbiamo a Siena il meglio di coloro che lavorano nel settore del cibo e dell’agrifood - continua Iantorno -  Un programma pop che parla dei problemi del cibo, ma anche delle grandi storie di ragazzi di tutto il mondo che ritornano alla terra, coniugando tradizione e innovazione. Infine mostreremo a tutti che c’e un modo originale di parlare di Ambrogio Lorenzetti attraverso la nuova categoria dell’ “archeocibo” che ha messo insieme archeologi e chef stellati. Tutto in due giorni dove Siena diventa grazie al Santa Chiara Lab la capitale di questi tema”.

Millennials Fest 2017 Siena Food Innovation è promosso dall’Università di Siena Santa Chiara Lab che nasce sotto gli auspici della Presidenza Italiana del G7, con il patrocinio del Miur, della Regione Toscana, del Comune di Siena, della Camera di Commercio di Siena, Fondazione PRIMA. Prestigiose le partnership: Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Il network dell'Onu "Sustainable Development Solutions Network", Barilla Center for Food & Nutrition, Future Food Institute, ASVIS Agenzia Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, SEEDS AND CHIPS, Accademia dei Fisiocritici, Accademia dei Georgofili. E’ media partner Gambero Rosso e sponsor tecnico Inox Metal.

Tra le storie di innovazione, l’attenzione andrà sul “Glocale”, “Creatività” e Storie dall’Europa. Nel contesto “Glocale”, in questo contesto ci saranno la Tenuta di Collosorbo di Montalcino con Laura Sutera Sardo, Multioptic drone di Pesaro con Davide Diotallevi, Elaisian di Roma con Giovanni di Mambro, Green energy storage di Trento con Rodolfo Pinto e Sfera di Grosseto con Luigi Galimberti. Per “Storie di creatività” ci saranno Diletta Sereni, Milano, food writer. Biorfarm, Rossano, con Osvaldo De Falco, Fattoria Sociale La Mattonaia, Siena, con Riccardo Panelli, Funky Tomato, Venosa, con Guido De Togni. Per Storie dall’Europa ci saranno Tuvunu, Grecia, con Demetri Chriss, Algaecoat, Portugal, con Ana Augusto, Entocube, Finland con Robert Nemlander, Wallfarm Bio, Italia – Usa, con Ares Ferrigni, Tecmem, Portugal, con Rita Martins.

Ricco il programma della prima giornata. Il Millennials Fest 2017, Siena Food Innovation si apre con l’avvio dell’Hackthon Festival al Teatro dei Rinnovati, il 5 ottobre alle 10 con i saluti istituzionali del sindaco di Siena, Bruno Valentini, del rettore dell’Università di Siena, Francesco Frati e della soprintendente all’Archeologia e alle Belle Arti di Siena, Anna Di Bene. Presenta e introduce Lorenzo Micheli, del SIY Lab Program. A seguire Innovazione, food e Agenda 2030 con Angelo Riccaboni, presidente Fundacion PRIMA. Alle 10.30, Food Hackathon Show, tre spettacoli teatrali che lanceranno il primo hackathon della scuola italiana interamente dedicato al cibo. Ci saranno 240 studenti e docenti di tutta Italia. Alle 11.30, Storie dal Mediterraneo - Sogni e Speranze dei giovani con Lucia Goracci corrispondente Rai dalla Turchia. Alle 12.30, al Rettorato, apertura del Food Camp e avvio Hackathon con Simona Montesarchio, direttore Generale MIUR, e sempre alle 12.30 (fino alle 20.30) nel Cortile del Podestà, a Palazzo Pubblico, Cibo e Buongoverno, Ambrogio Lorenzetti nel Campo, con la ricostruzione dal vivo della antiche botteghe del XIV secolo, a cura di Archeotipo e di Marco Valenti. Intervengono Gabriella Piccinni, docente di Storia Medioevale all’Università di Siena,  Anna Di Bene, soprintendente Archeologia e Belle Arti Siena, Guglielmo Turbanti, Comune di Siena. Dalle 15 alle 20, al Cortile del Rettorato, apertura del Food Future Zone & Local Experience, area espositiva, innovazioni, esperienze e buone pratiche legate alla tradizione locale e al futuro del cibo, interviene Massimo Guasconi, presidente Camera Commercio Siena. Alle 15.30, a Palazzo Pubblico, nel Cortile del Podestà, Cibo e territorio, I Millennials italiani e il cibo con Pierangelo Isernia, Università di Siena. Alle 15.45, Come (ri)costruire la relazione tra cibo e territorio? Presentazione di storie di innovazione del settore dell’agri-food “glocal” con Anna Giorgi, direttrice Unimont, Massimo Iannetta, ENEA, Umberto Campanini, IPSSAR Artusi, Carmelo Troccoli, direttore di Campagna Amica, Riccardo Bocci, Rete Semi Rurali, Alex Giordano, Rural Hub, modera Sonia Massari di Gustolab. A seguire, alle 16.45 sempre nel Cortile del Podestà, Quando la creatività incontra il cibo e cambia i territori, Presentazione di storie di creatività e innovazione nell’agri-food con Mario Cucinella, architetto e curatore Padiglione Italia Biennale 2017, Alessandro Avataneo, regista, documentarista e scrittore de “Atlante del Vino”, Emanuele Bevilacqua, editore, docente universitario e presidente del Teatro dell’Opera di Roma. Alle 18, a Palazzo Pubblico, sempre presso il Cortile del Podestà, Pensare e Agire Europeo con introduzione di Marco Gualtieri, founder and chairman di Seeds and Chips. In questo contesto, Presentazione di storie di innovazione nel settore agri-food provenienti dall’Europa e a seguire Quali scenari per la food innovation in Europa con Andrea Geremicca, Impact School, Laura Ciacci, consigliere nazionale Slow Food Italia, Sara Roversi, Future Food Institute, Carlo Maria Recchia, Giovani Coldiretti, Francesco Capozzi, Università di Bologna. Modera Tommaso Ferrando, University of Warwick. Dalle 19,15 alle 20.15, sempre presso il Cortile del Podestà, Quale cibo? Quale sviluppo? con Stefano Liberti giornalista e regista, Angelo Riccaboni, presidente Fondacion PRIMA, Paolo Cuccia, Presidente Gambero Rosso, Alessio Cavicchi, Università di Macerata.  A seguire, Il cibo migrante, degustazione di piatti tipici delle comunità senegalese COSEV di Colle val d’Elsa. Alle 21,15, al Teatro dei Rinnovati Millennials Festival Special Event in collaborazione con l’Accademia Chigiana “Assedio: Frammenti di Reportage”, opera multimediale tratta dai reportage RAI in Iraq e Siria di Lucia Goracci con Orchestra Sinfonica Abruzzese, in collaborazione con Rai News 24.

Millennials Fest e ricerca: i temi della sostenibilità ambientale, economica e sociale sono linee strategiche di sviluppo dell’Università di Siena. Da anni l’Ateneo si dedica a queste tematiche, attraverso progetti di didattica, di ricerca e progetti di networking istituzionali a livello internazionale, tra cui il ruolo di coordinamento per il Mediterraneo di UN SDSN, Sustainable Development Solution Network, e il ruolo centrale nel programma PRIMA, Partnership for Research and Innovation in the Mediterranea Area, incentrato sullo sviluppo sostenibile di soluzioni tecnologiche e organizzative in materia di risorse idriche, sistemi alimentari e catene agroalimentari a cui aderiscono 19 paesi europei e della sponda nord del Mediterraneo, con un significativo cofinanziamento da parte dell’Unione Europea. Angelo Riccaboni, che ha portato avanti negli ultimi anni per conto del MIUR i lavori di costruzione della partnership e del progetto, è attualmente presidente della fondazione di attuazione di PRIMA. In questo ambito, l’Ateneo senese è al centro di un grande lavoro sui temi della ricerca e dell’innovazione nell’ambito dei sistemi alimentari e idrici.

 

Tutti gli eventi sono liberi ad ingresso gratuito. Info: http://santachiaralab.unisi.it/, www.siylab.eu, la pagina Fb www.facebook.com/SIYLAB/, l’account twitter @siylab, l’account Instagram siylab. Due gli hashtag #SienaFood2017 #ArcheoFood